Italia markets open in 1 hour 13 minutes
  • Dow Jones

    29.872,47
    -173,77 (-0,58%)
     
  • Nasdaq

    12.094,40
    +57,62 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    26.537,31
    +240,45 (+0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,1940
    +0,0021 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    15.045,57
    -42,00 (-0,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    350,42
    -20,10 (-5,42%)
     
  • HANG SENG

    26.724,31
    +54,56 (+0,20%)
     
  • S&P 500

    3.629,65
    -5,76 (-0,16%)
     

Zona euro, inflazione annuale ottobre si conferma negativa su debolezza energia

·2 minuto per la lettura
Scultura che raffigura il simbolo dell'Euro a Francoforte, Germania, 26 ottobre 2014
Scultura che raffigura il simbolo dell'Euro a Francoforte, Germania, 26 ottobre 2014

BRUXELLES (Reuters) - L'inflazione annuale per la zona euro in ottobre è negativa per il terzo mese consecutivo, toccando i minimi di quattro anni a causa del calo dell'8% dei prezzi energetici su base annuale.

I prezzi al consumo nei 19 Paesi della zona euro a ottobre sono avanzati dello 0,2% su base mensile, calando invece dello 0,3% su anno. La contrazione è identica a quella rilevata a settembre e in linea con le stime preliminari di inizio novembre. [nL8N2HL43U]

I prezzi di alimenti, alcol e tabacco sono aumentati dello 0,38%, secondo Eurostat, mentre i servizi hanno strappato un rialzo dello 0,19%. Tuttavia, il calo annuale dell'8,2% dei prezzi energetici ha sottratto lo 0,81% dalla rilevazione finale.

Anche i beni industriali non energetici hanno ridotto l'inflazione di 0,03 punti percentuali.

Al netto delle componenti più volatili come energia e alimentare, un indicatore definito dalla Bce come inflazione 'core', i prezzi sono aumentati dello 0,1% su base mensile e dello 0,4% su base annuale.

Una misura ancora più specifica, che esclude i prezzi di alcol e tabacco, mostra un incremento mensile dello 0,1% e dello 0,2% su base annuale.

La Bce punta a mantenere l'inflazione vicina ma inferiore alla soglia del 2%, nel medio termine.

In tutta la zona euro, i prezzi al consumo più alti sono stati rilevati in Slovacchia (+1,6%), in Olanda (+1,2%) e in Austria (+1,1%).

Le contrazioni più drastiche sono state viste in Grecia (-2,0%), in Estonia (-1,7%) e in Irlanda (1,5%).

In Germania e in Italia, rispettivamente la prima e la terza maggiore economia del blocco, l'inflazione è negativa. In Francia, la seconda maggiore economia, è avanzata solo dello 0,1%.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Cristina Carlevaro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com,+4858775278)