Italia markets open in 1 hour 33 minutes
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,42 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,93 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,75 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1719
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    39.077,55
    -2.141,53 (-5,20%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.144,90
    -80,63 (-6,58%)
     
  • HANG SENG

    24.020,67
    -900,09 (-3,61%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     

Zona euro, inflazione balza a massimi 10 anni, grattacapo per Bce

·2 minuto per la lettura
Primo piano su una moneta da 1 euro

FRANCOFORTE (Reuters) - L'inflazione della zona euro è balzata ai massimi di 10 anni ad agosto, con ulteriori aumenti previsti in futuro, in contrasto con l'ottimistica stima della Bce sulla crescita dei prezzi e con l'impegno dell'istituto di ignorare un'espansione ritenuta transitoria.

Nei 19 paesi che condividono l'euro, l'inflazione è aumentata al 3,0% ad agosto dal 2,2% rilevato a luglio, oltre le attese del 2,7% e ben oltre il target della Bce del 2%.

Il balzo è stato stimolato dai costi energetici, ma anche i prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati, e si è registrata una crescita insolitamente alta per i prezzi dei beni industriali, in base ai dati di Eurostat.

Questi numeri probabilmente metteranno la Bce sotto pressione, dopo che la banca centrale ha ripetutamente aumentato le attese sull'inflazione quest'anno per poi vedere letture oltre le sue stime, anche se probabilmente la crescita dei prezzi toccherà un apice solo a novembre.

Con l'inflazione in Germania, la prima economia della zona euro e il primo critico della Bce, prevista intorno al 5% nei prossimi mesi, l'istituto probabilmente subirà una crescente pressione pubblica per far fronte all'inflazione, che sta rievocando i lontani ricordi di un'impennata dei prezzi.

FATTORI STRAORDINARI

Secondo la Bce, diversi fattori straordinari legati alla ripartenza economica dopo la pandemia di Covid-19 sono responsabili per buona parte dell'aumento dell'inflazione, e la crescita dei prezzi calerà rapidamente all'inizio del prossimo anno.

Infatti, i membri dell'istituto sostengono che l'inflazione stagnerà a livelli inferiori al target della banca per i prossimi anni, quindi a luglio hanno ribadito il loro impegno per mantenere una politica monetaria eccezionalmente accomodante, per generare una pressione dei prezzi.

In un'intervista concessa a Reuters la scorsa settimana, il capo economista della Bce Philip Lane ha affermato che le sorprese d'inflazione non hanno cambiato la sua opinione, ossia che la crescita dei prezzi sia temporanea, dal momento che l'aggiustamento dei salari, una precondizione per l'inflazione, non si vede all'orizzonte.

Anche se i membri della Bce hanno riconosciuto di aver sottovalutato le pressioni sui prezzi a breve termine, continuano a far riferimento alle deboli rilevazioni dell'inflazione sottostante come fattore a sostegno di una politica monetaria accomodante.

Tuttavia, l'inflazione core - escludendo i volatili prezzi di prodotti alimentari e carburanti - è aumentata all'1,6% ad agosto, dallo 0,9% rilevato a luglio, e l'indice che esclude anche i prezzi di alcol e tabacco è avanzato all'1,6% dallo 0,7%.

La Bce si riunirà il 9 settembre e deciderà il ritmo degli acquisti di bond nel corso del prossimo trimestre. Anche se sono possibili alcune modifiche, Lane sostiene che avverranno solo marginalmente, poiché la Bce ha preso un impegno per mantenere "condizioni finanziarie favorevoli".

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli