Italia markets open in 7 hours
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,63 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,95 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    29.660,25
    +694,24 (+2,40%)
     
  • EUR/USD

    1,2096
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    38.334,11
    -155,23 (-0,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    926,94
    -6,20 (-0,66%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,99 (-3,64%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     

Zona euro, inflazione gennaio rimbalza oltre le aspettative

·2 minuto per la lettura
Bandiere dell'Unione europea fuori dalla sede centrale della Commissione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - I prezzi al consumo della zona euro a gennaio sono aumentati al di là delle aspettative, spinti da un balzo dei prezzi in Germania e in Olanda, nonostante il continuo andamento al ribasso dei prezzi energetici.

Lo mostrano le stime preliminari pubblicate da Eurostat, l'ufficio statistico europeo.

L'inflazione nei 19 paesi della zona euro a gennaio è avanzata dello 0,2% su base mensile, con un balzo dello 0,9% su base annua, rimbalzando da un calo dello 0,3% a dicembre.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto a gennaio un aumento dello 0,5% su base annuale.

A gennaio, i volatili prezzi energetici sono aumentati del 3,8% su base mensile, secondo le stime Eurostat, ma calano del 4,1% rispetto alla rilevazione corrispondente nel 2020, mentre gli altrettanto volatili prezzi dei beni alimentari non lavorati sono avanzati dell'1,1% su base mensile e dell'1,9% su base annua.

L'indicatore che esclude le due componenti volatili, definito dalla Bce "inflazione core" e monitorato attentamente, è calato dello 0,3% su base mensile, incrementando dell'1,4% rispetto a gennaio 2020.

Una misura ancora più specifica dell'inflazione - che esclude i prezzi di alcol e tabacco, soggetti ad accise governative - mostra un calo mensile dello 0,5% e un incremento dell'1,4% su base annuale, ben oltre le aspettative.

Si tratta di una buona rilevazione per la Banca centrale europea, che intende mantenere l'inflazione al di sotto ma vicina al 2%. Un target non raggiunto per anni, nonostante i tassi d'interesse molto bassi e l'acquisto di bond governativi da centinaia di miliardi di euro, per iniettare liquidità nel sistema bancario.

La crescita dei prezzi al consumo più rapida a gennaio è stata rilevata in Germania, maggiore economia europea, dove i prezzi sono aumentati dell'1,6% su base annuale, e in Olanda, in rialzo dell'1,7% rispetto a gennaio 2020.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Roma Stefano Bernabei)