Italia markets close in 2 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    24.463,30
    -84,54 (-0,34%)
     
  • Dow Jones

    33.947,10
    -482,78 (-1,40%)
     
  • Nasdaq

    11.239,94
    -221,56 (-1,93%)
     
  • Nikkei 225

    27.885,87
    +65,47 (+0,24%)
     
  • Petrolio

    75,90
    -1,03 (-1,34%)
     
  • BTC-EUR

    16.185,21
    -356,58 (-2,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    401,61
    -9,61 (-2,34%)
     
  • Oro

    1.792,00
    +10,70 (+0,60%)
     
  • EUR/USD

    1,0523
    +0,0025 (+0,24%)
     
  • S&P 500

    3.998,84
    -72,86 (-1,79%)
     
  • HANG SENG

    19.441,18
    -77,11 (-0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.949,14
    -7,39 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9870
    -0,0014 (-0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4329
    +0,0073 (+0,51%)
     

Zona euro, inflazione ottobre rivista leggermente al ribasso, resta a livelli record

Una moneta da un euro

BRUXELLES (Reuters) - L'inflazione della zona euro nel mese di ottobre è risultata leggermente più bassa rispetto a quanto stimato in precedenza su base annua, ma ha comunque raggiunto livelli record a causa dell'impennata dei prezzi dell'energia.

È quanto emerge dai dati definitivi pubblicati oggi dall'ufficio statistico dell'Unione europea (Eurostat).

Eurostat ha confermato che l'inflazione al consumo nei 19 Paesi che condividono la moneta unica è aumentata a ottobre dell'1,5% su mese, per un incremento del 10,6% anno su anno, rivedendo la precedente stima del 10,7% su base annua.

Considerando il dato finale su base annua, 4,44 punti percentuali derivano dall'impennata dei prezzi dell'energia, che a ottobre erano più alti del 41,5% rispetto all'anno precedente. Altri 2,74 punti percentuali sono stati generati dall'aumento dei prezzi di beni alimentari, alcol e tabacco.

Escludendo i prezzi più volatili dell'energia e degli alimenti non processati, quella che la Banca centrale europea chiama inflazione core, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,7% su base mensile e del 6,4% su base annua.

Un indicatore ancora più ristretto che esclude alcol e tabacco, i cui prezzi spesso fluttuano a causa delle variazioni delle accise, ha mostrato un'inflazione dello 0,6% mensile e del 5,0% annuale.

La Bce vuole mantenere l'inflazione al 2% nel medio termine e da luglio sta aumentando drasticamente i tassi di interesse per contribuire a frenare la crescita dei prezzi.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Andrea Mandalà)