Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    38.972,41
    -96,82 (-0,25%)
     
  • Nasdaq

    16.035,30
    +59,05 (+0,37%)
     
  • Nikkei 225

    39.239,52
    +5,81 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0847
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • Bitcoin EUR

    52.505,67
    +2.323,71 (+4,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.790,80
    +156,06 (+0,94%)
     
  • S&P 500

    5.078,18
    +8,65 (+0,17%)
     

Zona euro, inflazione scende a gennaio ma dati core deludono

Le bandiere europee sventolano davanti alla sede della Commissione europea a Bruxelles

FRANCOFORTE (Reuters) - L'inflazione nella zona euro si è attenuata in gennaio, ma le pressioni sui prezzi core sono scese meno del previsto, rafforzando probabilmente l'argomento della Bce secondo cui i tagli dei tassi non dovrebbero essere affrettati, anche se la prossima mossa sarà probabilmente un allentamento della politica monetaria.

I prezzi al consumo nei 20 Paesi che condividono l'euro sono scesi del 2,8% il mese scorso dal 2,9% di dicembre, in linea con le attese e avvicinandosi all'obiettivo del 2% fissato dalla Bce, secondo i dati pubblicati oggi da Eurostat.

La crescita dei prezzi, ormai lontana dal picco a due cifre raggiunto alla fine del 2022, è diminuita a causa del rallentamento dell'inflazione dei prodotti alimentari non lavorati, dell'energia e dei beni industriali.

Ma l'inflazione core - indicatore molto importante per la Bce perché esclude i costi volatili di cibo ed energia - è scesa solo al 3,3% dal 3,4%, sopra le attese di 3,2%.

Sebbene la scorsa settimana la Bce abbia ribadito che un taglio dei tassi non sia neanche stato discusso, i banchieri centrali sembrano sempre più fiduciosi sul fatto che l'inflazione stia tornando sotto controllo, suggerendo che si stia avvicinando un ciclo di allentamento.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)