Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    53.070,38
    +1.571,41 (+3,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Zona euro, per banche Europa meridionale maggior impatto da cambiamento clima - Bce

·1 minuto per la lettura
Diverse bandiere Ue davanti la Commissione europea a Bruxelles

FRANCOFORTE (Reuters) - Le banche dell'Europa meridionale saranno tra quelle che sopporteranno i danni maggiori se il cambiamento climatico non sarà mitigato, poiché i loro clienti sono i più esposti a disastri naturali come gli incendi.

È quanto emerge da uno studio pubblicato dalla Banca centrale europea.

La Bce ha simulato l'andamento di oltre 1.600 banche della zona euro per scoprire come reagirebbero alle conseguenze del cambiamento climatico, includendo disastri naturali e l'introduzione di misure per ridurre le emissioni.

Secondo lo studio la probabilità di default per i prestiti bancari aumenterebbe del 7% nel corso dei prossimi 30 anni in base a uno scenario 'hot house', nel quale non è prevista alcuna manovra contro il cambiamento climatico.

Tuttavia, per quattro paesi, questo incremento potrebbe essere pari a quasi il doppio. La Bce non ha nominato direttamente gli stati, ma un grafico incluso nello studio mostra che Grecia, Portogallo, Spagna e Malta contano la più alta proporzione di aziende esposte ai rischi fisici legati al cambiamento climatico.

"Anche se gli stati europei sono esposti similarmente ai rischi della transizione, osservando le 'tail firm'... emergono comunque alcuni paesi che mostrano un'eccezionale vulnerabilità a un elevato rischio fisico", si legge nello studio della Bce.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli