Italia markets close in 5 hours 37 minutes
  • FTSE MIB

    23.800,83
    +119,26 (+0,50%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,82
    +0,77 (+1,18%)
     
  • BTC-EUR

    45.433,71
    +3.257,57 (+7,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.092,37
    +68,17 (+6,66%)
     
  • Oro

    1.698,30
    +20,30 (+1,21%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.781,47
    +18,23 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8577
    +0,0008 (+0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4997
    +0,0003 (+0,02%)
     

Zona euro, prestiti a imprese aumentano inaspettatamente del 7,0%

·1 minuto per la lettura
Bandiere Ue fuori dalla Commissione europea a Bruxelles

FRANCOFORTE (Reuters) - I prestiti alle imprese della zona euro a dicembre sono aumentati, con il blocco probabilmente di nuovo in recessione e con le banche che hanno ristretto l'accesso al credito su timori di default innescati da nuovi lockdown.

Lo mostrano oggi i dati della Banca centrale europea.

I prestiti alle imprese non finanziarie nei 19 paesi della zona euro sono aumentati del 7% a dicembre, dopo un incremento del 6,9% a novembre, avvicinandosi ai massimi di 10 anni visti a maggio, al 7,3%.

Con la pandemia che ha quest'anno ha paralizzato buona parte dell'economia della zona euro, le imprese si sono affrettate ad attingere dalle linee di credito, sostenuto da garanzie governative e da finanziamenti della banca centrale disponibili per le banche anche a tassi fino al -1%.

Tuttavia, molte hanno raggiunto i massimi nelle loro linee di credito e i sondaggi indicano che le banche temono sempre di più di non essere rimborsate, restringendo quindi costantemente i propri standard per proteggere i propri bilanci.

Intanto la crescita dei prestiti alle famiglie è rimasta stabile a 3,1%, muovendosi poco sopra il 3% da aprile.

Il tasso di crescita annuale della massa monetaria M3, un indicatore degli ingenti acquisti di bond da parte della Bce, è aumentato al 12,3% dall'11% rilevato a novembre, battendo le aspettative di un sondaggio Reuters dell'11,2%.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)