Italia Markets close in 2 hrs 59 mins
  • FTSE MIB

    19.460,90
    +86,69 (+0,45%)
     
  • Dow Jones

    28.195,42
    -410,89 (-1,44%)
     
  • Nasdaq

    11.478,88
    -192,67 (-1,65%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    40,68
    -0,15 (-0,37%)
     
  • BTC-EUR

    0,0000
    0,0000 (0,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    238,72
    +5,05 (+2,16%)
     
  • Oro

    1.905,30
    -6,40 (-0,33%)
     
  • EUR/USD

    1,1816
    +0,0043 (+0,3663%)
     
  • S&P 500

    3.426,92
    -56,89 (-1,63%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.233,79
    -8,72 (-0,27%)
     
  • EUR/GBP

    0,9143
    +0,0054 (+0,59%)
     
  • EUR/CHF

    1,0724
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,5578
    +0,0061 (+0,39%)
     

Zona euro, produzione industriale agosto rallenta in linea attese

·1 minuto per la lettura

BRUXELLES (Reuters) - La produzione industriale della zona euro ha subìto un brusco rallentamento ad agosto, come previsto, soprattutto a causa di un crollo nella produzione di beni capitali, sebbene sia stato smorzato in una certa misura dalla maggiore produzione di beni di consumo durevoli.

È quanto emerge dai dati diffusi in giornata da Eurostat.

Secondo l'ufficio statistico dell'Unione Europea la produzione industriale nei 19 Paesi che condividono l'euro è aumentata dello 0,7% su mese ad agosto, mentre è calata del 7,2% su anno, in linea con le stime degli economisti intervistati da Reuters.

La produzione di beni capitali, utilizzati per investimenti, è diminuita dell'1,6% su base congiunturale per un calo annuo del 13,2%. Ma la produzione di beni di consumo durevoli - come televisori o lavatrici - è aumentata del 6,8% su mese e del 4,3% su anno, diventando l'unica categoria a registrare guadagni annuali ad agosto.

La Germania, la più grande economia della zona euro, ha registrato un crollo della produzione dell'11,2% su base annua ad agosto mentre la Francia, seconda economia della zona euro, ha visto una netta flessione del 7,3%.