Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.621,72
    -63,95 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,87 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,95 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.777,90
    -448,18 (-1,59%)
     
  • Petrolio

    80,34
    -0,88 (-1,08%)
     
  • BTC-EUR

    16.102,28
    -83,35 (-0,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    404,33
    +2,91 (+0,72%)
     
  • Oro

    1.797,30
    -3,80 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0531
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    18.675,35
    -61,09 (-0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,90
    -6,60 (-0,17%)
     
  • EUR/GBP

    0,8576
    -0,0009 (-0,10%)
     
  • EUR/CHF

    0,9871
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4193
    +0,0068 (+0,48%)
     

Zona euro, salari potrebbero creare pressioni su inflazione per anni - Lane (Bce)

Il capo economista della Banca centrale europea Philip Lane parla durante un evento Reuters Newsmaker a New York.

FRANCOFORTE (Reuters) - I salari della zona euro impiegheranno anni per adeguarsi alle mutate circostanze economiche e potrebbero quindi esercitare pressioni sull'inflazione molto tempo dopo che gli shock energetici e pandemici saranno svaniti.

Lo ha detto Philip Lane, capo economista della Banca Centrale Europea.

"La natura scaglionata della fissazione dei salari implica che l'adeguamento dei salari nominali all'aumento cumulativo del costo della vita avverrà nell'arco di diversi anni", ha scritto Lane in un post sul suo blog.

"Ciò significa che, anche dopo che i fattori energetici e pandemici saranno scomparsi dalle misure dell'inflazione, l'inflazione salariale sarà il motore principale dell'inflazione dei prezzi nei prossimi anni", ha aggiunto.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Giancarlo Navach)