I mercati italiani chiudono fra 7 ore 40 min

Banche: Draghi a Trump “no a deregulation” e apre a prolungamento QE

La Banca Centrale europea si unisce alla Federal Reserve contro la deregulation del settore bancario. Un messaggio diretto alla prossima amministrazione di Washington.

La Bce continuerà a sostenere l’economia della zona euro con i suoi stimoli monetari – ha detto Mario Draghi – anticipando, di fatto, l’annuncio di un prolungamento del Quantitative easing oltre marzo del 2017.

“L’attenzione dovrebbe essere sull’attuazione, non sulla revisione delle decisioni ha aggiunto il Presidente della Bce – Le misure di regolamentazione dovrebbero essere attuate in modo equilibrato per garantire parità di condizioni a livello globale. Sono possibili rettifiche marginali, ma non inversioni di marcia su quanto è già stato deciso”.

Secondo Draghi, la ripresa rimane dipendente dalle facili condizioni di finanziamento. Due fattori richiedono cautela: la redditività delle banche dell’area dell’euro, la debolezza della dinamica dell’inflazione. In quest’ottica, non è previsto alcun rialzo dei tassi nell’Eurozona.

I possibili effetti per l’Europa dopo la vittoria di realDonaldTrump via VitoLops https://t.co/4NOeImuG1E— IlSole24ORE (@sole24ore) November 18, 2016