Italia markets close in 4 hours 41 minutes
  • FTSE MIB

    20.757,55
    -203,83 (-0,97%)
     
  • Dow Jones

    29.134,99
    -125,82 (-0,43%)
     
  • Nasdaq

    10.829,50
    +26,58 (+0,25%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • Petrolio

    79,09
    +0,59 (+0,75%)
     
  • BTC-EUR

    19.963,72
    -1.369,39 (-6,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    435,82
    -23,32 (-5,08%)
     
  • Oro

    1.637,20
    +1,00 (+0,06%)
     
  • EUR/USD

    0,9563
    -0,0035 (-0,36%)
     
  • S&P 500

    3.647,29
    -7,75 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.304,69
    -23,96 (-0,72%)
     
  • EUR/GBP

    0,8972
    +0,0033 (+0,37%)
     
  • EUR/CHF

    0,9463
    -0,0052 (-0,55%)
     
  • EUR/CAD

    1,3166
    -0,0004 (-0,03%)
     

Chi è Michail Gorbaciov, l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica

Michail Sergeevič Gorbaciov nasce nel comune rurale di Privol'noe il 31 marzo 1931.

Si laurea in giurisprudenza all’Università di Mosca nel 1955 e prosegue gli studi per corrispondenza ottenendo una seconda laurea in agraria (1967).

Proprio in questo periodo si iscrive al Partito Comunista dell'Unione Sovietica e ne scala la gerarchia fino a conquistare una posizione di vero e proprio “delfino”, nel 1984.

L'11 marzo 1985, all'età di 54 anni, viene eletto Segretario Generale del PCUS, la carica più alta nella gerarchia di partito e del Paese.

Da sempre riformista, il suo programma si basa soprattutto sui concetti di liberalizzazione, apertura, trasparenza e perestrojka, ovvero ricostruzione.

Proprio per questo suo temperamento riformista, non è apprezzato da tutti nell’URSS, ma la sua strategia conduce alla fine della guerra fredda con gli Stati Uniti e raffredda la corsa agli armamenti tra USA e URSS.

È l'11 ottobre 1986 quando Gorbaciov e il presidente statunitense Ronald Reagan si incontrano a Reykjavík per discutere la riduzione degli arsenali nucleari installati in Europa. Nello stesso anno deve fronteggiare il disastro di Chernobyl.

La sua politica mette in moto una serie di eventi che porteranno alla dissoluzione dell'URSS (1991) e alla riunificazione della Germania.

Il 15 marzo 1990 il Congresso dei rappresentanti del popolo dell'URSS (il primo parlamento costituito sulla base di libere elezioni nella storia del Paese) elegge Gorbaciov presidente dell'Unione Sovietica e il 15 ottobre dello stesso anno gli viene assegnato il Premio Nobel per la pace per il ruolo che ha avuto nel fermare la guerra fredda.

Nel 1991 la situazione interna all’URSS è tesa e i comunisti conservatori tentano un colpo di stato. Poco dopo, Gorbaciov rassegna le dimissioni.

A caratterizzare la figura dell'ultimo presidente dell’Unione Sovietica è una voglia sulla fronte che ha sempre attirato l’attenzione di critici e satirici.

Sposa Raisa Maksimovna Gorbačëva il 25 settembre 1953 con la quale vive fino al 1999, quando lei viene a mancare. Dal matrimonio, nel 1957 nasce Irina Michailovna.

Gorbaciov si spegne il 30 agosto 2022 a Mosca, in seguito a una lunga malattia.