Italia markets close in 6 hours 20 minutes
  • FTSE MIB

    24.330,82
    -110,06 (-0,45%)
     
  • Dow Jones

    33.849,46
    -497,57 (-1,45%)
     
  • Nasdaq

    11.049,50
    -176,86 (-1,58%)
     
  • Nikkei 225

    28.027,84
    -134,99 (-0,48%)
     
  • Petrolio

    78,85
    +1,61 (+2,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.909,50
    +174,27 (+1,11%)
     
  • CMC Crypto 200

    390,03
    +9,74 (+2,56%)
     
  • Oro

    1.767,90
    +12,60 (+0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,0378
    +0,0033 (+0,32%)
     
  • S&P 500

    3.963,94
    -62,18 (-1,54%)
     
  • HANG SENG

    18.204,68
    +906,74 (+5,24%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.931,39
    -4,12 (-0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8645
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    0,9868
    +0,0055 (+0,56%)
     
  • EUR/CAD

    1,3948
    -0,0001 (-0,01%)
     

Cos’è il vamping? L’iperconnessione notturna dei giovani “vampiri”

L’uso scorretto dei device tecnologici porta i giovanissimi a sviluppare il cosiddetto “vamping”, l’iperconnessione notturna, che fa sì che questi passino intere notti completamente insonni. L’utilizzo eccessivo e persistente di smartphone, pc, tablet e playstation nelle ore serali e notturne causa in numerosi bambini e adolescenti un vero e proprio disturbo del sonno, che si ripercuote, poi, inevitabilmente, sulla loro vita diurna: prestazioni fisiche e mentali inferiori, poca memoria, sviluppo di nervosismo e cattivo umore. Ecco quali sono i rischi e le conseguenze dell’iperconnessione notturna che sta dilagando tra i giovani “vampiri”.