Italia markets close in 3 hours 52 minutes
  • FTSE MIB

    22.431,69
    +50,34 (+0,22%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.242,21
    -276,97 (-0,97%)
     
  • Petrolio

    52,20
    -0,16 (-0,31%)
     
  • BTC-EUR

    30.807,21
    +923,70 (+3,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    719,29
    -15,85 (-2,16%)
     
  • Oro

    1.829,40
    -0,50 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,2067
    -0,0017 (-0,14%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.862,77
    +288,91 (+1,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.592,82
    -6,73 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8909
    +0,0023 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0745
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,5419
    +0,0046 (+0,30%)
     

Cos’è Parler, il social usato da Trump

Diventato famoso a seguito del ban di Trump dai social network più popolari, Parler è noto per essere la piattaforma dell’estrema destra e dei complottisti. Ma cos’era in origine?

Fin dal suo lancio nel 2018, Parler si è presentato come un portale dedito alla totale libertà di parola, con regole meno severe e una policy molto più elastica rispetto ai suoi competitor più famosi, come Facebook o Twitter.

In un’intervista a Forbes, poi riportata da wired.it, Il fondatore della piattaforma John Matze ha spiegato che “Su Parler non c’è censura, non ci sono fact checker e nessuna segnalazione che dica alle persone cosa dire e cosa pensare”.

Il social ha visto un rapido aumento degli iscritti tra il 2020 e il 2021 e ospita diversi personaggi politici, tra cui Donald Trump, Matteo Salvini e Jair Bolsonaro; ma è anche noto per essere il ritrovo virtuale di militanti di estrema destra, cospirazionisti, antisemiti e sostenitori della teoria di QAnon.