Italia markets closed
  • FTSE MIB

    19.285,41
    +208,46 (+1,09%)
     
  • Dow Jones

    28.335,57
    -28,09 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.548,28
    +42,28 (+0,37%)
     
  • Nikkei 225

    23.516,59
    +42,32 (+0,18%)
     
  • Petrolio

    39,78
    -0,86 (-2,12%)
     
  • BTC-EUR

    11.055,72
    +183,99 (+1,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    260,05
    -1,40 (-0,54%)
     
  • Oro

    1.903,40
    -1,20 (-0,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1868
    +0,0042 (+0,36%)
     
  • S&P 500

    3.465,39
    +11,90 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    24.918,78
    +132,65 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.198,86
    +27,45 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,9096
    +0,0063 (+0,69%)
     
  • EUR/CHF

    1,0723
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5567
    +0,0044 (+0,28%)
     

Distanziamento sociale, quale è la misura giusta?

Il distanziamento sociale è una delle armi principali per fronteggiare la pandemia di Covid-19. Il coronavirus si trasmette infatti tramite le ormai famigerate droplet che possono essere limitate usando la mascherina e mantenendo la giusta distanza tra individui. Ma quale è la giusta distanza? Secondo i CDC (Centers for Disease Control and Prevention) sarebbe un metro, l'OMS, invece, sale fino a un metro e ottanta. Lo studio di Lydia Bourouiba, scienziata del MIT, sostiene che la saliva espulsa da uno starnuto può arrivare a coprire una distanza di 8 metri. Anche la situazione in cui ci si trova può modificare la distanza da rispettare. Bisogna tenere conto di fattori esterni come movimento, velocità e persino il vento. Una ricerca dell'Università di Tecnologia di Eindhoven dice che in caso di camminata o corsa, due persone, una a fianco all'altra, dovrebbero tenere una distanza di sicurezza di due metri. La situazione cambia in caso di fila indiana dove, a seconda delle condizioni, la distanza diventa 4 metri in caso di camminata, 10 se si corre e 20 se si è in sella a una bicicletta. Attenzione anche a quando si parla. In un minuto di chiacchierata una persona infetta potrebbe produrre fino a 1000 goccioline in grado di rimanere nell'aria dagli 8 ai 14 minuti. A sostenerlo uno studio pubblicato dalla rivista scientifica statunitense Proceedings of the National Academy of Sciences.