Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.586,88
    -58,96 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,65 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,03 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • Petrolio

    88,53
    -0,01 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    22.653,82
    -289,19 (-1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.792,40
    -14,50 (-0,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0187
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,90 (+0,14%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.725,39
    -29,21 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8431
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9789
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3164
    -0,0018 (-0,13%)
     

Governo, Sbarra (CISL): "Serve stabilità per taglio al cuneo fiscale e iva zero sui beni di largo consumo"

(Adnkronos) - In collaborazione con TGPoste.poste.it

Il Paese deve affrontare sfide difficili e per farlo c’è necessità di stabilità e di un governo forte ed autorevole che possa attuare misure per superare la crisi economica e sociale come il taglio al cuneo fiscale e l’azzeramento dell’IVA su beni di largo consumo, senza però intervenire sul salario minimo attraverso la legge. Lo ha detto Luigi Sbarra, Segretario Generale della CISL, durante un’intervista al TGPoste.

“Auspico un forte richiamo alla responsabilità – ha detto Sbarra. “Dobbiamo fronteggiare una perdurante condizione di emergenza sanitaria, la più grande crisi economica e sociale dal dopoguerra a oggi e le pesanti ricadute della guerra in Ucraina. C’è necessità di stabilità, di governabilità e di un governo nella pienezza delle funzioni e dei poteri, che possa interloquire con le parti sociali”. Il Segretario Generale della CISL ha poi indicato le misure più urgenti per tutelare lavoratori e famiglie, tra le quali non figura il salario minimo per legge .

“Sul salario minimo bisogna ragionare, ma noi indichiamo la via della contrattazione. Non serve un salario minimo di stato, sono le relazioni sindacali e la contrattazione che ci devono aiutare ad alzare gli stipendi e i salari di chi è in difficoltà. Dobbiamo utilizzare la leva fiscale – ha continuato Sbarra. “Al Governo Draghi abbiamo indicato la necessità di prorogare il bonus 200 euro rivolto a 28 milioni di Italiani, dobbiamo dare strutturalità al taglio delle accise sul prezzo del carburante, allargare la platea delle persone che beneficiano degli sconti in bolletta, dobbiamo dare un taglio forte al cuneo fiscale sulla parte del lavoro, dobbiamo valutare la possibilità di azzerare l’IVA sugli acquisti di beni di largo consumo per le famiglie in difficoltà, bisogna detassare i frutti della contrattazione di secondo livello, mettere sotto controllo prezzi e tariffe e creare le condizioni per alzare retribuzioni e pensioni”.

Sbarra ha anche illustrato come finanziare queste misure. “Si alzi la tassazione sugli extraprofitti delle imprese energetiche, delle multinazionali dell’economia digitale e della logistica, si reinvesta interamente l’extra gettito IVA che sta entrando copiosamente per effetto dell’inflazione alta e si valuti anche eventualmente un piccolo scostamento di bilancio”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli