Italia markets close in 1 hour 54 minutes
  • FTSE MIB

    22.633,54
    -352,16 (-1,53%)
     
  • Dow Jones

    33.858,84
    -140,20 (-0,41%)
     
  • Nasdaq

    12.833,45
    -131,89 (-1,02%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    90,15
    -0,35 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    21.409,54
    -2.140,55 (-9,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    510,70
    -30,90 (-5,71%)
     
  • Oro

    1.770,80
    -0,40 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    1,0060
    -0,0031 (-0,31%)
     
  • S&P 500

    4.257,31
    -26,43 (-0,62%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.751,67
    -25,71 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8502
    +0,0048 (+0,57%)
     
  • EUR/CHF

    0,9626
    -0,0023 (-0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,3044
    -0,0017 (-0,13%)
     

Mattarella scioglie le Camere ma ai parlamentari resta il vitalizio: ecco come mai

Con le dimissioni rassegnate dal Presidente del Consiglio Mario Draghi, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha deciso di sciogliere in anticipo le Camere, chiamando il Paese alle urne il 25 settembre 2022 al fine di eleggerne di nuove.

Nonostante la caduta del governo però, i senatori non perderanno il loro vitalizio poiché il 24 settembre, appena un giorno prima del voto, scatta il diritto alla pensione ‘pro quota’, una formula pensionistica che si raggiunge compiuto il 65esimo anno d’età e che prevedere il diritto di ricevere la quota per tutti e 5 gli anni di legislatura. Questa scadenza, però, non è stata rispettata, perchè, quindi, i “vitalizi” ai parlamentari saranno comunque garantiti?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli