Italia Markets close in 4 hrs 44 mins

Sodalitas: una call to action per i Ceo sulla sostenibilità

Milano, 7 ott. (askanews) - Le imprese, e il loro coinvolgimento in pratiche virtuose, sono uno snodo fondamentale lungo il percorso che porta verso un pianeta sostenibile. Per questo è importante che ad essere coinvolti in prima persona nel confronto con le istituzioni nazionali e sovranazionali siano i capo azienda. Se ne è discusso a inizio ottobre al Salone della Csr e dell'innovazione sociale. In quel contesto la Fondazione Sodalitas ha presentato l'appello rivolto a tutti i Ceo per accelerare la crescita sostenibile, affrontare i cambiamenti climatici e creare ricchezza inclusiva. "Questa nuova iniziativa è stata fatta da Csr-Europe insieme alla Commissione Europea - spiega Alessandro Beda consigliere delegato della Fondazione Sodalitas - per fare una grande mobilitazione sullo sviluppo sostenibile. Praticamente ha fatto un appello a tutti Ceo, a tutti i capi-azienda d'Europa, perché si uniscono in una grande alleanza per sviluppare per creare sviluppo sostenibile. Hanno già risposto in poche settimane 250 grandi imprese europee, di cui 54 italiane; e adesso fino al 30 novembre sarà aperta questa chiamata".

Tra le 54 aziende italiane che hanno già risposto all'appello, ci sono sia grandi gruppi industriali, come Eni e Enel, già strategicamente impegnati sulla sostenibilità, sia diverse piccole e medie imprese. Sodalitas in qualità di National Partner Organization di Csr-Europe sta ora lavorando per diffondere il più possibile la chiamata alla mobilitazione. "Mentre Csr-Europe farà un programma europeo di diffusione, noi dovremmo fare un programma nazionale e quindi far aderire tante altre imprese, fare entrare e coinvolgere le istituzioni politiche italiane su questo tema, e coinvolgere tutta la società, dal non profit all'università, sul tema dello sviluppo sostenibile".

La Ceo Call to Action si chiude a fine novembre. Un primo importante appuntamento si avrà poi la settimana successiva quando gli impegni e le istanze dei Ceo verranno presentate alle istituzioni UE. "Ci sarà un percorso europeo, sarà un coinvolgimento dell'Europa insieme ai Ceo che saranno invitati il 5 di dicembre a Bruxelles per un contatto con la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, con il Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel e il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli. E qui ci sarà proprio un 'metterci la faccia' dei Ceo. Dopodiché ci sarà tutto un percorso di azioni che si concluderanno nel 2020, a maggio, con un grande summit sugli Sdgs e la call to action a Bruxelles".