Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 7 hours 21 minutes
  • Dow Jones

    38.612,24
    +48,44 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    15.580,87
    -49,91 (-0,32%)
     
  • Nikkei 225

    38.777,85
    +515,69 (+1,35%)
     
  • EUR/USD

    1,0833
    +0,0011 (+0,10%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.683,59
    -559,81 (-1,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.503,10
    +255,59 (+1,57%)
     
  • S&P 500

    4.981,80
    +6,29 (+0,13%)
     

Acrobazie in cielo: come un pilota emiratino ha realizzato il suo sogno

Husam Gamal è un pilota emiratino di gare aeree e airshow che collabora con XDubai, il più grande centro di sport estremi degli Emirati Arabi Uniti. Husam è entrato a far parte della Flying Academy quando aveva solo 15 anni e ha effettuato il suo primo volo da solista dopo un anno. "Ero spaventato - ricorda Gamal -. È soprattutto un gioco mentale. Il rumore dei motori. Ho cercato di ascoltare quello che voleva dirmi l'aereo. Sentivo le vibrazioni nel mio corpo. Mi sono rilassato e ho pensato: "Posso andare molto lontano con quest'aereo".

Dopo essersi diplomato all'età di 17 anni, diventando il più giovane pilota degli Emirati Arabi Uniti, Husam si è rapidamente distinto nella sua professione ed è diventato capitano cinque anni dopo. Nel 2013 ha scoperto l'acrobazia aerea: manovre di volo non utilizzate nei voli convenzionali per il trasporto di passeggeri, ma eseguite per l'addestramento, l'intrattenimento e lo sport.

"All'inizio mi serviva solo per imparare le abilità per il recupero dei passeggeri. Tuttavia, man mano che mi esercitavo e imparavo di più sull'acrobazia, mi sono appassionato. Mi ha spinto a sviluppare altre abilità e a migliorare la mia forma fisica", racconta Husam.

Dopo un periodo di allenamento intensivo, Husam ha partecipato alla sua prima gara di acrobazia aerea in California nel 2015. "Puoi essere pronto fisicamente e mentalmente, ma questo non ti assicura di salire sul podio - dice Gamal -. Hai bisogno di esperienza, che si ottiene rompendosi l'osso del collo almeno una ventina di volte, ed è questo l'obiettivo che mi ero prefissato".

Gamal ha partecipato ad altre gare, ha acquisito l'esperienza necessaria per aumentare la sua fiducia e alla fine ha conquistato il primo posto nel Campionato nazionale spagnolo del 2019. "È stata una sensazione incredibile - ricorda il pilota -. Una settimana dopo, sono stato invitato da Red Bull a partecipare a un campo di addestramento per diventare un pilota aereo qualificato, il sogno di ogni pilota".

Al campo di addestramento Husam ha affrontato una delle prove più difficili. Rispetto alle "solite" acrobazie aeree, ha dovuto pilotare un velivolo più veloce, volare più in basso e attraversare degli archi gonfiabili. "Prima di saltare sull'aereo, il mio allenatore mi ha detto: 'L'aereo deve passare attraverso quegli archi gonfiabili'".

Husam è decollato, ha fatto qualche giro di pista e ha tentato di passare attraverso il primo arco, ma si è tirato indietro all'ultimo secondo. "Ho pensato che fosse impossibile - confessa -. Dopo che sono atterrato l'istruttore mi ha detto di andarmene, ma io ho deciso di riprovarci. Quando c'è l'ho fatta ho provato un'emozione incredibile, mi sono sentito padrone di questo mondo".

Alla fine del campo Husam è diventato un pilota di gara, ma ha dovuto prendersi una pausa a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia che hanno bloccato le gare. "Ora sono tornato a praticare questo sport, questa volta con il supporto di XDubai - dice Gamal -. Sto puntando al campionato del mondo e naturalmente voglio vincere".