Annuncio pubblicitario
Italia Markets close in 1 hr 45 mins

Apple, per Ue iPadOS è 'gatekeeper', sei mesi per adeguarsi a Digital Markets Act

Nuovi prodotti Apple in vendita presso l'Apple Store di New York

BRUXELLES (Reuters) - Il sistema operativo di Apple per iPad è stato identificato dalle autorità antitrust Ue come 'gatekeeper', sulla base delle norme di riferimento dell'unione nel settore tech, per via dell'importanza che riveste per gli utenti commerciali.

Lo ha detto la Commissione europea.

In base al Digital Markets Act (Dma), la legge sui mercati digitali entrata in vigore quest'anno, 22 servizi di proprietà di Apple, Google, Microsoft, Amazon, Meta Platforms e ByteDance, proprietaria di TikTok, sono già stati etichettati come 'gatekeeper', società che controllano l'accesso alle proprie piattaforme.

La decisione della Commissione fa seguito a un'indagine avviata nel settembre dello scorso anno. Il sistema operativo iOS di Apple, il browser Safari e l'App Store erano stati definiti gatekeeper lo scorso anno.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"La nostra indagine di mercato ha dimostrato che, nonostante non abbia raggiunto le soglie previste, iPadOS costituisce un importante gateway su cui molte aziende fanno affidamento per raggiungere i propri clienti", ha detto in un comunicato la commissaria Ue per la concorrenza Margrethe Vestager.

La Commissione ha detto che il numero di utenti business di Apple ha superato di undici volte la soglia quantitativa prevista, mentre il numero di utenti finali si aggirerebbe intorno alla soglia e si prevede che aumenterà nel prossimo futuro. La Commissione ha detto che sia gli utenti commerciali che gli utenti finali sono vincolati all'iPadOS per via del suo vasto ecosistema.

Apple ha ora sei mesi di tempo per conformarsi al Dma e ha detto che "continuerà a impegnarsi in modo costruttivo con la Commissione Europea per conformarsi al Dma in tutti i servizi identificati".

Le violazioni del Dma possono comportare multe alle aziende fino al 10% dei ricavi annui globali.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Gianluca Semeraro)