Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 47 minutes
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.637,77
    -309,16 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,0861
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.432,12
    -1.176,35 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.470,34
    -56,07 (-3,67%)
     
  • HANG SENG

    19.273,93
    +53,31 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Banche, investimenti fintech crescono ma ancora limitati, rischi da outsourcing - Bankitalia

Un edificio della Banca d'Italia nel centro di Roma

MILANO (Reuters) - Gli investimenti in tecnologia e nella trasformazione digitale del sistema bancario italiano sono in graduale espansione ma rimangono quantitativamente limitati, anche a causa del generale rallentamento dell'economia, e polarizzati verso gli istituti di maggiore dimensione.

E' quanto emerge dall'indagine biennale Fintech effettuata dalla Banca d'Italia nel corso del 2023.

Secondo la rilevazione - che riguarda l'intero sistema bancario, ma anche società finanziarie - la spesa per investimenti in tecnologie innovative è stimata in 901 milioni nel biennio 2023-2024, pari a 3,8 volte quella del 2017-2018, dopo i 600 milioni registrati nel biennio 2021-2022.

A partire dall'anno prossimo, fino al completamento dei progetti, sono inoltre previste ulteriori spese per 380 milioni, per un totale complessivo di 1,88 miliardi.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Nell'arco dei tre bienni considerati, il rapporto tra i ricavi attesi generati dalle iniziative e i corrispondenti costi è passato dal 28,3% al 78,7%.

Cresce il peso dei nuovi progetti di investimento, in particolare sulle tecnologie relative al web-mobile all'intelligenza artificiale, firme digitali, Dlt-blockchain, e sui big data.

In relazione alle aree di business, quelle maggiormente interessate sono state l'intermediazione e i pagamenti, con quote di investimenti pari rispettivamente al 43,7% e al 39,4% del totale, con effetti principalmente attesi sui rischi operativi.

A questo riguardo se da un lato gli investimenti tecnologici consentono una riduzione delle frodi e delle spese legali, tuttavia dall'altro "si prevede un aumento del rischio legato all'outsourcing Ict in considerazione del crescente ricorso a fornitori in cloud", osserva la Banca d'Italia sottolineando i potenziali rischi derivanti da collaborazioni e partnership.

L'analisi rileva inoltre un aumento della concentrazione della spesa tra gli intermediari: la quota dei primi dieci è infatti ha raggiunto l'87,5% nel 2023 da 77,2% del 2019.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)