Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.088,31
    +91,92 (+0,24%)
     
  • Nasdaq

    16.267,38
    +175,46 (+1,09%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,90
    +1,64 (+2,10%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.805,30
    +409,72 (+0,71%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.093,50
    +38,80 (+1,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.135,96
    +39,69 (+0,78%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8561
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9571
    +0,0016 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4692
    +0,0023 (+0,16%)
     

Bce, sondaggio vede attenuamento inflazione, aumento aspettative salariali

Bandiere europee di fronte alla sede della Bce a Francorforte

FRANCOFORTE (Reuters) - Le aspettative di inflazione dei consumatori della zona euro sono calate a gennaio, ma le attese sulla crescita dei salari hanno continuato a salire, alimentando il timore questo rallenti gli sforzi per controllare i prezzi.

È quanto emerso da un'indagine della Banca Centrale Europea.

L'inflazione complessiva sta ora scendendo ma le pressioni sui prezzi sottostanti continuano a crescere, in parte spinte dalla rapida crescita dei salari nominali nei servizi, suggerendo che la crescita dei prezzi potrebbe persistere più a lungo di quanto previsto al momento dalla Bce.

Le aspettative di inflazione per i prossimi 12 mesi sono scese al 4,9% dal 5,0% del mese precedente, mentre le aspettative a tre anni sono calate più nettamente, al 2,5% dal 3%, secondo le stime mediane di circa 14.000 consumatori in sei delle maggiori economie della zona euro.

Le famiglie prevedono in media un aumento del reddito nominale dell'1,3% nei 12 mesi a venire, un aumento modesto se si considera l'elevata crescita dei prezzi, ma comunque superiore all'1% rilevato nel sondaggio di dicembre.

I funzionari della Bce vedono una crescita dei salari nominali intorno al 5% quest'anno, la più rapida degli ultimi anni e un potenziale grattacapo per le decisioni sui tassi di interesse.

Sebbene i salari stiano ancora recuperando terreno dopo un forte calo del reddito reale, il tasso del 5% è ancora un ostacolo per ridurre l'inflazione al 2%.

La banca ha aumentato i tassi di 300 punti base da luglio e ha promesso altri 50 punti base a marzo. I mercati vedono ora rialzi per oltre 100 punti base nelle riunioni successive, prima che il tasso di deposito si stabilizzi al 4% o poco sopra.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)