Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 15 minutes
  • FTSE MIB

    32.635,47
    -65,45 (-0,20%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,14
    -0,35 (-0,46%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.010,54
    -557,15 (-1,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.041,00
    -8,40 (-0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,0854
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.867,05
    -5,52 (-0,11%)
     
  • EUR/GBP

    0,8548
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9546
    +0,0015 (+0,16%)
     
  • EUR/CAD

    1,4665
    +0,0055 (+0,38%)
     

Bce, taglio proiezioni marzo da solo non basterebbe per ampio allentamento - Kazaks

Insegna all'esterno dell'edificio della Banca centrale europea a Francoforte, Germania

RIGA (Reuters) - I rischi legati all'inflazione della zona euro sono equilibrati nonostante alcune recenti sorprese al ribasso e anche un taglio delle proiezioni dell'inflazione a marzo non giustificherebbe un allentamento aggressivo della politica monetaria.

Lo ha detto Martins Kazaks, membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea.

Ieri la Bce ha mantenuto i tassi invariati a un livello record e ha respinto le voci di tagli, nonostante una serie di indicatori mostrino un indebolimento della crescita economica e delle pressioni sui prezzi.

"I rischi per l'inflazione sono bilanciati", ha detto Kazaks a Reuters a margine di una conferenza.

"Anche se rivediamo le nostre previsioni sull'inflazione al ribasso in modo significativo... anche se scendiamo sotto il 2% nel 2025 o 2026, finché questa differenza dall'obiettivo del 2% non è ampia e persistente, a mio avviso non dovremmo reagire in modo aggressivo con tagli dei tassi", ha aggiunto. "E il motivo è l'elevata incertezza".

L'inflazione ha disatteso le proiezioni della Bce per la maggior parte degli ultimi tre anni, portando alcuni a mettere in dubbio la capacità di previsione della banca in un periodo così insolito.

Secondo Kazaks, la Bce dovrebbe essere paziente e analizzare più dati sui salari e il loro impatto sulla crescita dei prezzi sottostanti prima di intraprendere tagli dei tassi.

Tuttavia, la Bce non dovrebbe puntare a un'inflazione inferiore al target perché il suo compito non è quello di portare i prezzi al 2% in media.

Per Kazaks la politica monetaria sta funzionando e potrebbe essere più forte di quanto la Bce pensi, ma la pazienza è ancora d'obbligo.

"Se ci si muove troppo presto, il danno è molto più grande che se si arriva un po' troppo tardi", ha precisato.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Sabina Suzzi)