Annuncio pubblicitario
Italia Markets close in 2 hrs 45 mins
  • FTSE MIB

    34.625,80
    +165,28 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,14
    +0,57 (+0,73%)
     
  • BTC-EUR

    64.363,08
    +137,63 (+0,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.515,49
    +12,83 (+0,85%)
     
  • Oro

    2.367,50
    -25,40 (-1,06%)
     
  • EUR/USD

    1,0851
    +0,0023 (+0,2170%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.059,42
    +34,25 (+0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8521
    +0,0012 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    0,9910
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4830
    +0,0014 (+0,09%)
     

Big mondiali difesa rendono tre volte indice in trim1, stima +6% in 2024 - Mediobanca

L'amministratore delegato di Mediobanca Alberto Nagel presenta un nuovo piano industriale

MILANO (Reuters) - Le multinazionali della difesa vedranno i ricavi complessivi crescere del 6% quest'anno e sono sul gradino più alto del podio per rendimento azionario nel primo trimestre 2024 con una performance tre volte superiore a quella dell'indice mondiale.

È quanto emerge da un report dell'Area Studi Mediobanca sulle multinazionali industriali mondiali con focus sui gruppi della difesa diffuso oggi. Il report esamina i conti annuali di oltre 330 multinazionali industriali e contiene un approfondimento sui 30 principali big della difesa, di cui 15 negli Stati Uniti, dieci in Europa e cinque in Asia.

Nel primo trimestre 2024 le big della difesa hanno registrato un rendimento azionario del 22,8% contro il +7,1% dell'indice azionario mondiale. Sul podio anche i settori Media & Entertainment (+19%) e Moda (+17,9%).

Le migliori performance del settore difesa sono state registrate dalle tedesche Rheinmetall (+80,5%) e Hensoldt (+80,3%) e dalla svedese Saab (+56,7%), seguita da Leonardo (+55,9%). Al nono posto l'altra italiana Fincantieri (+21,9%).

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Per quanto riguarda il giro d'affari, il settore difesa (+8,2%) è secondo nel trimestre dietro le Websoft (+13,9%) ed è seguito dai produttori di aeromobili (+7,5%).

Nel 2023 la spesa globale per la difesa ha raggiunto il massimo storico di 2.443 miliardi di dollari (2,3% del Pil mondiale), con un incremento del 6,8%, il più alto dal 2009, in risposta alla guerra in Ucraina e alle tensioni geopolitiche in Medio Oriente.

L'Italia è al dodicesimo posto per spesa globale (1,5% del totale). Gli Stati Uniti rappresentano oltre un terzo del totale (37,5% o 916 miliardi di dollari), seguiti da Cina (12,1%) e Russia (4,5%).

In termini di incidenza della spesa sul Pil, l'Ucraina è in testa (36,7%). L'Italia è in 75esima posizione (1,6%).

La spesa pro capite, 306 dollari a persona, è stata la più alta dal 1990.

(Gianluca Semeraro, editing Stefano Bernabei)