Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    38.907,12
    -65,29 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.978,08
    -57,22 (-0,36%)
     
  • Nikkei 225

    39.208,03
    -31,49 (-0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,0844
    -0,0005 (-0,04%)
     
  • Bitcoin EUR

    58.158,88
    +5.408,77 (+10,25%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.536,85
    -253,95 (-1,51%)
     
  • S&P 500

    5.070,91
    -7,27 (-0,14%)
     

Boj, Kuroda delinea quadro di uscita da politica espansiva

Un uomo con una mascherina protettiva passa davanti alla sede della Bank of Japan a Tokyo

TOKYO (Reuters) - Il governatore di Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, ha detto che qualsiasi dibattito futuro sull'uscita dalla politica monetaria ultra-espansiva sarà incentrato sul ritmo di aumento dei tassi di interesse a breve termine e sugli aggiustamenti del massiccio bilancio della banca.

Kuroda ha accantonato la possibilità di un rialzo dei tassi di interesse a breve termine, sottolineando che Boj deve continuare a sostenere la fragile ripresa economica con una politica monetaria espansiva.

Il governatore ha comunque aggiunto che la Banca centrale potrebbe discutere una strategia di uscita dal massiccio stimolo e dirigersi verso la normalizzazione della politica quando sarà più vicina al target di inflazione fissato al 2%, unito a degli aumenti salariali.

"È prematuro definire i dettagli di una strategia di uscita. Ma uno dei principali fattori di discussione sarà il ritmo di aumento del tasso a breve termine di Boj, ora fissato a -0,1%", ha detto Kuroda al Parlamento.

"Un altro fattore sarà l'aggiustamento del bilancio", ha aggiunto, aggiungendo che la maggior parte delle banche centrali sta procedendo con i rialzi dei tassi, prima di passare a una vera e propria riduzione del bilancio.

Sebbene Kuroda continui a sottolineare la necessità di mantenere una politica espansiva, negli ultimi mesi il governatore di Boj si è espresso più spesso sulla possibilità di una futura uscita dai tassi ultra-bassi, dato che l'aumento dei costi delle materie prime spinge l'inflazione oltre il suo obiettivo del 2%.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)