Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.841,98
    -261,74 (-1,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

Borsa Milano, attende fiacca Bce, dopo conti vola Saipem, giù Moncler, crolla Stm

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue fiacca in attesa delle decisioni e dei commenti della Banca centrale europea nel primo pomeriggio tra borse europee ugualmente deboli.

L'attenzione degli investitori resta nel frattempo concentrata sui risultati trimestrali.

Intorno alle 11,45 il FTSE Mib scende dello 0,6%. Volumi intorno a 800 milioni di euro.

Tra i titoli in evidenza:

In luce SAIPEM dopo una trimestrale sopra le attese e il miglioramento della guidance per l'anno. Promossa da banca Akros a "buy" da "neutral", il titolo - che era fortemente sottovalutato - avanza di circa l'8%.

Nel settore energia toniche anche ENI (+1,6%) e TENARIS (+2,7%).

Brilla CAMPARI con +2,5% dopo i risultati trimestrali che hanno evidenziato una crescita organica a doppia cifra, grazie alla dinamica molto robusta dei brand e all'effetto prezzo.

Positiva ITALGAS (+1%) che ha pubblicato risultati in crescita e in linea con le attese.

Passa in lieve calo l'indice delle banche, piatto in Europa. MPS stabile appena sotto i due euro del prezzo di sottoscrizione delle nuove azioni nell'aumento di capitale iperdiluitivo da 2,5 miliardi.

Stime e trimestrali pesano invece su STM e MONCLER.

Il produttore franco-italiano di chip ha chiuso un buon trimestre ma si è mostrata cauta sull'ultima parte dell'anno in un contesto di generale preoccupazione degli analisti sulle prospettive del settore. Il titolo cede quasi l'8%.

In netto ribasso anche il gruppo del lusso (-5%) che ha annunciato ieri ricavi in crescita, senza però riuscire a entusiasmare il mercato.

TOD'S cede lo 0,9% dopo il crollo di ieri in seguito all'insuccesso dell'Opa della famiglia Della Valle.

(Claudia Cristoferi, editing Francesca Piscioneri)