Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 5 hours 31 minutes
  • FTSE MIB

    32.596,68
    -104,24 (-0,32%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,33
    -0,16 (-0,21%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.207,56
    -353,70 (-0,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.042,10
    -7,30 (-0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0851
    +0,0028 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.863,26
    -9,31 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8556
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    0,9539
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4664
    +0,0053 (+0,37%)
     

Borsa Milano in calo, sale Buzzi, pesanti Finecobank e Interpump

Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari peggiora a fine mattina e si porta in moderato ribasso, appesantita più delle altre borse europee dalla debolezza dei titoli finanziari.

I futures sugli indici di Wall Street sono poco mossi.

Intorno alle 12,30 il Ftse Mib cede lo 0,77%. Volumi poco sotto il miliardo di euro.

Tra i titoli in evidenza:

In luce Buzzi, in rialzo di oltre 2% (sotto i massimi d'avvio) in scia al balzo della concorrente svizzera Holcim, che ha annunciato lo spinoff delle sue attività nordamericane per quotarle a New York.

La corsa notturna del greggio - che ora sta limando i guadagni - spinge i titoli dell'energia, con Eni a +1,7% e Saipem a +1,5%. Saras cede lo 0,2% dopo che è emerso che il socio Urion Holdings è sceso sotto il 10% del capitale riducendo la partecipazione del 3,6%. Intesa Sanpaolo ha ridotto il giudizio a 'Hold' da 'Buy' a seguito del recente rally del titolo.

In linea con il comparto europeo soffrono le banche, in calo in media dell'1%. Tra i finanziari spicca il tonfo di oltre 5% di Finecobank dopo che Jp Morgan (che ha tagliato il target price a 13,40 da 14,50 euro) ha scritto che con i conti di fine anno l'istituto potrebbe tagliare la guidance del 2024 sul margine di interesse.

Giù Nexi e Poste, Mediolanum e Azimut.

Improvviso crollo di Interpump che cede più del 5% dopo una breve sosta in asta di volatilità, senza che dalle sale operative giungano spiegazioni particolari.

(Claudia Cristoferi, editing Andrea Mandalà)