Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.116,23
    -1.042,92 (-1,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Borsa Milano debole in avvio, bene Pirelli, Saras e Tod's stabili a prezzi Opa

Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio fiacco a Piazza Affari, in sintonia con gli altri listini europei che si prendono una pausa di riflessione dopo gli ultimi rialzi.

Il mercato rimane cauto in attesa del dato sull'inflazione Usa di gennaio che arriverà oggi nel primo pomeriggio e che sarà determinante per orientare le aspettative sull'andamento dei tassi.

Intorno alle 9,30 il Ftse Mib è in flessione dello 0,2%.

Tra i principali spunti dell'avvio Pirelli è in testa al Ftse Mib con un rialzo dell'1,4%, in scia al forte andamento di Michelin sulla borsa di Parigi dopo gli utili record nel 2023 e il nuovo buyback annunciati ieri a mercati chiusi dal costruttore francese di pneumatici.

Acquisti su Leonardo (+0,7%) sulle attese positive per i risultati del quarto trimestre che saranno pubblicati il 29 febbraio.

Bancari generalmente deboli su prese di profitto, con Banco BPM tra i peggiori, in discesa dell'1,7%. Tra i tecnologici STM perde l'1,7% in un contesto di vendite sul settore in tutta Europa.

Sostanzialmente ferme invece Tod's e Saras ai prezzi delle Opa lanciate nel weekend sulle due società per il loro delisting.

Edison guadagna il 3,4% dopo il balzo dell'utile netto riportato per il 2023 che ha consentito di raddoppiare il dividendo distribuito dalla società energetica.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)