Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    38.491,38
    -12,31 (-0,03%)
     
  • Nasdaq

    15.723,17
    +26,53 (+0,17%)
     
  • Nikkei 225

    38.460,08
    +907,92 (+2,42%)
     
  • EUR/USD

    1,0705
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.097,31
    -2.060,97 (-3,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.390,36
    -33,74 (-2,37%)
     
  • HANG SENG

    17.201,27
    +372,34 (+2,21%)
     
  • S&P 500

    5.073,45
    +2,90 (+0,06%)
     

Borsa Milano debole con Europa dopo recenti rialzi, in calo Fineco, bene Tim, Intesa SP

Alcune persone di fronte a Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio di settimana debole a Piazza Affari che prosegue, in linea con gli altri listini europei, il movimento di correzione dopo il rally della settimana scorsa su Fed e Bce.

Il dato sugli occupati Usa di venerdì, di gran lunga superiore alle attese, ha alimentato i timori su mosse ancora aggressive della Fed facendo scattare delle prese di beneficio dopo il lungo trend rialzista da inizio anno.

Dopo l'intesa settimana passata, gli investitori si prendono una pausa di riflessione senza grossi riposizionamenti, rimanendo attenti ad eventuali nuovi messaggi dai banchieri centrali e all'andamento dei risultati trimestrali sulle società europee.

Intorno alle 10,10 il FTSE Mib perde lo 0,65%.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Tra i titoli in evidenza:

Ribassi tra gli industriali e automotive come Interpump, Iveco, Pirelli e Leonardo in calo tra l'1,5% e il 2,5%.

Tra i finanziari Finecobank, in fondo al FTSE Mib, perde il 2,9% circa annullando i guadagni di venerdì e dopo che il broker Jefferies ha avviato la copertura sul titolo con una raccomandazione "underperform".

A parte Fineco e qualche altro leggero spunto di debolezza, il settore finanziario rimane tuttavia globalmente positivo, soprattutto il bancario sostenuto dal mini-rimbalzo di Intesa Sanpaolo in progresso dell'1,5% dopo la forte perdita di venerdì nel giorno della trimestrale, e mentre stamani diversi broker ritoccano al rialzo stime e target price. "Con il titolo che ha sottoperformato i peers nell'ultimo mese (+15% vs +22% medio) ed è ancora in negativo su anno, ribadiamo Buy", dice Equita sottolineando la remunerazione attraente e il ritorno superiore ai concorrenti del titolo Intesa.

Bene anche Banco Bpm, in rialzo di oltre un punto percentuale.

Telecom Italia, in testa al listino principale, sale del 2,4% in un mercato che continua a speculare su una controfferta di Cdp alla proposta del fondo Kkr sulla rete della settimana scorsa.

(Andrea Mandalà, editing Claudia Cristoferi)