Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 1 hour 14 minutes
  • FTSE MIB

    34.215,45
    +490,63 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    38.377,64
    +137,66 (+0,36%)
     
  • Nasdaq

    15.624,23
    +172,92 (+1,12%)
     
  • Nikkei 225

    37.552,16
    +113,55 (+0,30%)
     
  • Petrolio

    82,08
    +0,18 (+0,22%)
     
  • Bitcoin EUR

    62.511,48
    +534,34 (+0,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.430,37
    +15,61 (+1,10%)
     
  • Oro

    2.343,30
    -3,10 (-0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,0702
    +0,0046 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    5.050,83
    +40,23 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.828,93
    +317,24 (+1,92%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.989,07
    +52,22 (+1,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8598
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    0,9736
    +0,0022 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,4623
    +0,0033 (+0,22%)
     

Borsa Milano fiacca, acquisti su Leonardo, corrono Sogefi e Cir

Un uomo davanti all'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue la seduta in leggero calo come le altre borse europee all'inizio di una settimana costellata di appuntamenti macro sull'andamento dell'inflazione negli Stati Uniti, in Giappone e in Europa.

Poco slancio anche per i futures sugli indici Usa, tutti in frazionale ribasso.

Intorno alle 12,30 l'indice Ftse Mib cede lo 0,3% con volumi intorno a 1,1 miliardi di euro.

Tra i titolo in evidenza:

Sale del 5% Leonardo, con un trader che parla delle buone prospettive di incremento degli investimenti europei nella Difesa.

Con un indice delle banche piatto, spicca il +3,3% di Bper e il quasi +2% di Banco Bpm in un mercato che a rotazione continua a speculare sulle prospettive di M&A del settore. Mediobanca è ferma dopo il rally di venerdì, Unicredit in lieve calo.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Segno meno per Stellantis (-1,8%) nonostante l'annuncio stamani di un accordo quadro "multimiliardario" con Ayvens per la fornitura di massimi 500.000 veicoli per la sua flotta di leasing a lungo termine nei prossimi tre anni.

Perdono più del 2% Moncler e Ferragamo. La prima risente anche del rischio di overhang dopo che due soci della holding di controllo sono diventati azionisti diretti della società.

Giù l'energia con i prezzi del greggio. Eni -0,6%.

Tra le più piccole, balzo di Sogefi (+32%) dopo l'accordo con un fondo Usa per la cessione della divisione Filtrazione. Sale dell'8% la controllante Cir.

(Claudia Cristoferi, editing Andrea Mandalà)