Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.334,43
    -213,95 (-0,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Borsa Milano in moderato rialzo, spinta francese per il lusso e Campari

Dettaglio dell'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari si rafforza leggermente e segna un moderato rialzo alla fine di una mattina movimentata dall'impatto dei risultati societari, mentre attende a breve i dati sull'inflazione Usa (Pce).

Intorno alle 12,30 il Ftse Mib sale dello 0,6%, in linea con le altre piazze europee mentre dagli Usa giungono segnali contrastati, con i futures sull'S&P positivi e quelli sul tecnologico Nasdaq in calo sull'onda della delusione per le previsioni di Intel.

Volumi vicini a 1 miliardo di euro per l'azionario italiano.

Tra i titoli in evidenza:

I titoli del lusso sono galvanizzati dai conti trimestrali del gigante francese Lvmh che sale a Parigi di oltre il 10%: Moncler +6,25%, Ferragamo +7,24%, Brunello Cucinelli +5%, Tod's +2%.

Il balzo del 4,5% di Campari è innescato invece dal rally di Remy Cointreau, che sale di quasi il 15% dopo una trimestrale migliore del previsto.

I conti sopra le attese non bastano invece a sostenere De' Longhi, che perde il 4,5% sotto il peso dei realizzi.

Segno meno anche per Stm che cede oltre 3% con il settore globale dei chip dopo la trimestrale di Intel.

Vivace il settore auto, che anche nel resto d'Europa è tra i più gettonati, sottotono le banche (-0,2% l'indice italiano) con Mps in calo del 2,5%.

(Claudia Cristoferi, editing Andrea Mandalà)