Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 5 hours 12 minutes
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.652,84
    -294,09 (-0,76%)
     
  • EUR/USD

    1,0862
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.524,83
    -921,09 (-1,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.524,57
    +36,03 (+2,42%)
     
  • HANG SENG

    19.219,40
    -1,22 (-0,01%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Borsa Milano parte in lieve rialzo, cautela in giornata ricca di dati macro, giù Stellantis

Un uomo davanti alla borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio in cauto rialzo a Piazza Affari in una giornata ricca di appuntamenti macro, con la riunione della Fed di mercoledì in primo piano e, oggi, quelli relativi all'inflazione della zona euro. Infine, negli Usa sono in agenda venerdì i numeri sul mercato del lavoro e gli indici Ism.

Entra nel vivo anche la stagione delle trimestrali.

Intorno alle 9,30 l'indice Ftse Mib segna un rialzo dello 0,13%.

In netto calo Stellantis che arretra dell'1,7% dopo i risultati del primo trimestre che vede ricavi in calo del 12%, sotto le attese degli analisti, a causa di minori volumi e un mix di prodotti e dinamiche di cambio sfavorevoli bilanciati da una politica dei prezzi "rigida". Equita nel daily scrive che si attende "un recupero in corso d’anno col lancio dei nuovi modelli, ma la nostra stima di fatturato sul 24 a +2% a 192,7 miliardi perde visibilità".

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

In rialzo dell'1,8% Lottomatica dopo i risultati del trimestre e la revisione al rialzo della guidance 2024. "I risultati del trimestre sono in linea, penalizzati dal pay-out. Guidance riviste per includere Sks e coerenti con le nostre proiezioni", scrive Equita.

Fra i bancari svettano le società di asset mangagement, in scia di uno studio di Barclays che ha aumentato i prezzi obiettivo di Mediolanum (+0,8%) a 12,8 euro da 11,6, Finecobank (+1,44%) a 14,3 euro da 12,2 e Banca Generali (+0,11%) a 38,9 euro da 33,3 precedente.

Cedente Tim (-0,9%).

(Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei)