Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 5 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    32.598,34
    -102,58 (-0,31%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,19
    -0,30 (-0,39%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.199,59
    -368,88 (-0,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.043,80
    -5,60 (-0,27%)
     
  • EUR/USD

    1,0851
    +0,0028 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.861,71
    -10,86 (-0,22%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    +0,0017 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    0,9537
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4664
    +0,0053 (+0,37%)
     

Borsa Milano parte positiva con banche, oil, forte calo Interpump

Un uomo davanti all'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari parte in rialzo anche oggi, corroborata dal forte balzo della borsa cinese dopo le misure adottate dalle autorità per sostenere i titoli che hanno dato un deciso impulso ai mercati asiatici.

Sul fronte dei tassi, invece, prevale la cautela dopo che la banca centrale australiana ha mantenuto fermi i tassi di interesse com'era atteso, ma ha segnalato la possibilità di un altro rialzo data l'inflazione ancora alta.

La seduta è inoltre influenzata dalle trimestrali, in particolare delle banche.

Intorno alle 9,45 il Ftse Mib guadagna lo 0,47%

Prosegue il denaro sui titoli del credito al traino di UniCredit che balza dell'1,3% a nuovi massimi da inizio dicembre 2015 a 29,45 euro. A fare da volano i risultati trimestrali sopra le attese che ieri hanno fatto salire le azioni di oltre l'8%.

Bene anche Intesa Sanpaolo (+0,7%) in attesa dei risultati in giornata. Oggi sarà la volta anche POP SONDRIO che però arretra dell'1% dopo la recente corsa. Finecobank cede lo 0,34% in vista dei risultati.

In netto calo Interpump che cede oltre il 6%.

Raccolto il comparto oil, con Eni in salita dell'1% e Saipem dello 0,7%.

(Giancarlo Navach, editing Stefano Bernabei)