Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 47 minutes
  • FTSE MIB

    32.606,24
    -94,68 (-0,29%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,24
    -0,25 (-0,33%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.096,60
    -497,48 (-1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.041,60
    -7,80 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,0857
    +0,0034 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.866,55
    -6,02 (-0,12%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0011 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9541
    +0,0011 (+0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4666
    +0,0056 (+0,39%)
     

Borsa Milano poco mossa, corre Iveco su trimestrale, Saras su scommesse cessione quota

Un uomo davanti l'ingresso della Borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Piazza Affari è poco mossa, in sintonia con gli altri listini europei, nell'ultima seduta di una settimana complessivamente positiva.

A focalizzare l'attenzione degli investitori sull'azionario milanese sono i buoni risultati trimestrali e le indicazioni sul 2024 generalmente improntate all'ottimismo, nonostante il rallentamento dell'economia, oltre a qualche spunto speculativo

Intorno alle 10,25 il Ftse Mib guadagna un frazionale 0,05%.

In cima all'indice delle blue chip balza Iveco con un rialzo del 7,3% ai massimi da oltre due anni galvanizzata da risultati trimestrali e guidance sul 2024 superiori alle attese degli analisti, oltre che dal ritorno al dividendo.

Tra bancari, in media fiacchi, spicca il progresso dell'1% di Banco BPM grazie ai risultati del quarto trimestre migliori delle previsioni, ma sopratutto per la sorpresa positiva sul fronte del dividendo.

Debole invece Mediobanca in calo dell'1,4% nonostante i positivi conti, mentre, la più piccola Credem sale dell'1,8% premiata dalla trimestrale sopra le attese e dal dividendo straordinario.

Fuori dal tema trimestrali, vola Saras a +14,4% sulle indiscrezioni di stampa secondo cui il gruppo di trading sulle commodity svizzero Vitol sarebbe interessato a rilevare l'intera quota del 40% detenuta dalla famiglia Moratti a un prezzo di 2,2 euro per azione. Operazione che comporterebbe il conseguente lancio di un'Opa sulla società di raffinazione.

Deboli le utility con Hera e A2A i peggiori titoli del Ftse Mib con cali intorno al 2%

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)