Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.946,93
    -122,75 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0857
    -0,0005 (-0,04%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.209,70
    +199,48 (+0,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.512,48
    +23,94 (+1,61%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Borsa Milano positiva con Europa, forti utilities, bene banche

Un uomo davanti alla borsa di Milano

MILANO (Reuters) - Avvio positivo a Piazza Affari in sintonia con l'apertura degli altri listini europei e in scia alla buona chiusura di Wall Street venerdì.

Il sentiment sui mercati azionari rimane moderatamente positivo in avvio di una settimana ricca di appuntamenti macro. L'attenzione principale sarà sulla riunione delle Fed di mercoledì, con le parole di Powell sulla prospettiva dei tassi sotto i riflettori.

Sul fronte dei dati, i più attesi saranno quello relativi all'inflazione della zona euro che saranno pubblicati martedì, con le prime indicazioni di Spagna e Germania già oggi, mentre negli Usa venerdì è in agenda la lettura mensile sugli occupati.

Lo sguardo degli investitori sarà inoltre sempre rivolto alla stagione delle trimestrali che si intensifica in Europa soprattutto sul fronte bancario.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Intorno alle 9,50 l'indice Ftse Mib avanza dello 0,48%.

Tra agli spunti sul listino, acquisti sulle utilities, con A2A in evidenza con un deciso progresso del 3,2%.

Positivo il comparto bancario dove spiccano in particolare POP SONDRIO e MPS in progresso rispettivamente dell'1,9% e dell'1,3%. Sempre tra i finanziari tonica NEXI (+1,8%) alla vigilia dell'assemblea chiamata a deliberare, tre le altre cose, sulla proposta di un buyback fino a 500 milioni.

Tra i titoli minori ARISTON perde l'1,6% dopo la notizia di venerdì che la controllata russa è stata posta sotto la gestione temporanea di JSC Gazprom Household Systems, del gruppo Gazprom, con un decreto del presidente Vladimir Putin.

SERI INDUSTRIAL balza di oltre il 6% dopo avere ufficializzato di avere in corso trattative con Leonardo (+1,3%) e Invitalia, per acquistare una quota di maggioranza della società Industria Italiana Autobus.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)