Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.764,15
    +50,21 (+0,15%)
     
  • Dow Jones

    37.983,24
    -475,84 (-1,24%)
     
  • Nasdaq

    16.175,09
    -267,10 (-1,62%)
     
  • Nikkei 225

    39.523,55
    +80,92 (+0,21%)
     
  • Petrolio

    85,45
    +0,43 (+0,51%)
     
  • Bitcoin EUR

    63.156,87
    -3.228,87 (-4,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.360,20
    -12,50 (-0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,0646
    -0,0085 (-0,79%)
     
  • S&P 500

    5.123,41
    -75,65 (-1,46%)
     
  • HANG SENG

    16.721,69
    -373,34 (-2,18%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.955,01
    -11,67 (-0,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8547
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9728
    -0,0027 (-0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4653
    -0,0029 (-0,19%)
     

Borse Europa in calo su nervosismo per tassi, banche in rialzo

Il grafico DAX dell'indice azionario tedesco

(Reuters) - Le borse europee sono in calo a causa della flessione dei titoli tech, sensibili ai tassi d'interesse, sulle aspettative di ulteriori rialzi da parte delle principali banche centrali, anche se i guadagni dei titoli bancari limitano le perdite.

L'indice paneuropeo STOXX 600 cede lo 0,1%, con il settore tecnologico in calo dell'1,1%. Il settore bancario sale dello 0,6%.

I timori che la Fed Usa possa optare per un atteggiamento "hawkish" nella riunione della prossima settimana e le aspettative che la Bce continui a inasprire la propria politica monetaria hanno penalizzato l'azionario.

La Banca del Canada ha aumentato il proprio tasso overnight ai massimi di 22 anni al 4,75% e i mercati e gli analisti hanno immediatamente previsto un altro aumento il mese prossimo.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

La borsa di Milano e di Madrid, con una forte presenza del settore bancario, guadagnano rispettivamente lo 0,6% e lo 0,4%.

Il rendimento sui governativi tedeschi a due anni, più sensibili alla politica monetaria, avanza di 2 punti base al 3%, ai massimi dal 15 marzo scorso.

Il settore delle telecomunicazioni perde l'1,1%, zavorrato da VODAFONE che ha perso il 4,6% dopo aver toccato i massimi di una settimana ieri, dopo che Reuters ha riferito ieri che la società è entrata nelle fasi finali di trattative per un accordo di fusione con HUTCHISON per le loro attività britanniche.

La società biotecnologica tedesca EVOTEC balza dell'8,2% in cima allo STOXX 600 dopo che Citigroup ha alzato il rating del titolo a "buy" da "neutral", dato il promettente outlook del gruppo.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Andrea Mandalà)