Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 4 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    32.606,48
    -94,44 (-0,29%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,43 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,78 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,01 (+0,35%)
     
  • Petrolio

    76,30
    -0,19 (-0,25%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.103,06
    -514,88 (-1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.042,10
    -7,30 (-0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0855
    +0,0033 (+0,30%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.866,26
    -6,31 (-0,13%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0011 (+0,13%)
     
  • EUR/CHF

    0,9540
    +0,0010 (+0,10%)
     
  • EUR/CAD

    1,4665
    +0,0055 (+0,38%)
     

Borse Europa poco mosse, healthcare ed energia annullano effetto trimestrali positive

Il logo Equinor su uno smartphone

(Reuters) - Le borse europee rimangono poco mosse, visto che la flessione dei titoli dei settori healthcare ed energia ha compensato l'effetto del calo dei rendimenti dei titoli di Stato e i rialzi delle società dovuti a trimestrali positive.

Alle 11,20 italiane, l'indice paneuropeo STOXX 600 è invariato a 486,66 punti.

Lo sviluppatore di software tedesco TeamViewer balza del 5,7% ed è in cima all'indice di riferimento grazie a ricavi e utili del quarto trimestre superiori alle attese.

Le società del settore energetico sono in prima linea con le azioni di Vestas in rialzo del 5,2% dopo che il produttore danese di turbine eoliche ha battuto le previsioni con la trimestrale.

Equinor crolla del 5,7% dopo che il produttore norvegese di petrolio e gas ha detto che quest'anno ridurrà di 3 miliardi di dollari il rendimento complessivo per gli azionisti.

Giù anche TotalEnergies del 2,1% dopo che l'utile netto adjusted del gruppo francese è sceso nel quarto trimestre, soprattutto a causa del calo dei prezzi del petrolio e dei margini di raffinazione.

Il settore petrolifero e del gas scambia in ribasso dello 0,6%.

Anche il settore healthcare registra un calo dello 0,6%. A pesare maggiormente è Zealand Pharma, che con un crollo del 7,4% registra il peggior calo in quasi un anno.

Il settore automobilistico avanza dell'1,7% guidato dalla casa automobilistica franco-italiana Stellantis che registra un balzo del 2,5% a un livello record.

Tra gli altri titoli, Dhl perde il 3,9% dopo che la banca statale tedesca Kfw ha venduto 50 milioni di azioni del gruppo per 2,17 miliardi di euro.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Gianluca Semeraro)