Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.922,16
    +40,66 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    37.986,40
    +211,02 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.282,01
    -319,49 (-2,05%)
     
  • Nikkei 225

    37.068,35
    -1.011,35 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    83,24
    +0,51 (+0,62%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.478,86
    -301,90 (-0,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.330,72
    +18,10 (+1,38%)
     
  • Oro

    2.406,70
    +8,70 (+0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0661
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.967,23
    -43,89 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    16.224,14
    -161,73 (-0,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.918,09
    -18,48 (-0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    +0,0056 (+0,65%)
     
  • EUR/CHF

    0,9693
    -0,0017 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4645
    -0,0005 (-0,04%)
     

Borse Europa in rialzo su minori turbolenze bancarie, bene energia

Panoramica della Borsa di Francoforte, in Germania

(Reuters) - Le borse europee hanno esteso il rimbalzo, grazie alle misure di sostegno negli Stati Uniti e in Europa che hanno placato i timori di una crisi bancaria globale incombente, anche se l'indice è destinato a registrare il secondo calo settimanale consecutivo.

L'indice paneuropeo STOXX 600 scambia in rialzo dello 0,7% alle ore 10,55 italiane, sostenuto da una forte ripresa dei titoli del settore petrolifero e del gas.

Il settore bancario guadagna lo 0,6% in seguito al salvataggio da 30 miliardi di dollari da parte di grandi banche statunitensi a favore dell'istituto di credito First Republic Bank.

L'intervento di salvataggio è arrivato poco dopo che CREDIT SUISSE ha ottenuto un prestito d'emergenza della banca centrale elvetica fino a 54 miliardi di dollari per risanare la propria liquidità.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Credit Suisse inverte i guadagni iniziali a inizio seduta e cede il 3,4%. Ieri il titolo è balzato del 19%.

Gli indici delle borse di Madrid e di Milano, in cui è rilevante il peso del segmento bancario, guadagnano rispettivamente lo 0,6% e lo 0,5%, anche se ancora in forte perdita su base settimanale.

Sugli scudi il settore energetico, in rialzo del 2,6% grazie al rimbalzo dei prezzi del greggio dopo che un incontro tra Arabia Saudita e Russia ha placato i timori dei mercati, sostenuti dalle forti aspettative sulla domanda cinese.

SANOFI guadagna lo 0,5% dopo aver detto che taglierà del 78% i prezzi di listino negli Stati Uniti per Lantus, il farmaco insulinico più prescritto del gruppo, a partire dal prossimo anno. La decisione è in linea con le manovre adottate dai rivali NOVO NORDISK e ELI LILLY AND CO.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Stefano Bernabei)