Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.565,75
    +430,76 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    10.986,01
    +156,50 (+1,45%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9698
    +0,0101 (+1,05%)
     
  • BTC-EUR

    20.183,80
    -191,07 (-0,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    446,11
    +17,33 (+4,04%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.704,44
    +57,15 (+1,57%)
     

Case automobilistiche affrontano problema brevetti per ricerca tecnologia in-car

Una parte del cruscotto digitale composto da cinque schermi ad alta risoluzione all'interno di un'auto elettrica Honda E

STOCCOLMA/BERLINO (Reuters) - Più di una dozzina di case automobilistiche, tra cui Toyota e Nissan, hanno aderito ad Avanci, una piattaforma per la concessione di licenze sui brevetti di cui fanno parte 51 società tecnologiche, con l'obiettivo di semplificare l'accesso alla tecnologia wireless ed evitare costose battaglie legali.

I conflitti sono emersi in parte a causa di opinioni diverse tra le case automobilistiche, i fornitori e le società tecnologiche a proposito di chi debba sostenere i costi delle licenze.

Attraverso il mercato indipendente delle licenze Avanci, le case automobilistiche hanno accesso ai brevetti per la tecnologia 2G, 3G e 4G di società come la finlandese Nokia, la svedese Ericcson e la taiwanese Acer per qualsiasi aspetto, dai sistemi di navigazione ai sensori per la guida automatizzata.

Avanci applica una tariffa forfettaria di 20 dollari per auto, aumentata questo mese dai precedenti 15 dollari, e il denaro viene distribuito tra i titolari dei brevetti. Le nuove sottoscrizioni - che includono anche Renault, Stellantis e Honda - implicano che l'80-85% delle auto con tecnologia 2G o superiore vengano concesse in licenza attraverso la piattaforma, ha detto in un'intervista il vicepresidente di Avanci Mark Durrant.

Il modello consente alle case automobilistiche di evitare le battaglie sulle royalties che hanno avuto luogo tra i produttori di smartphone come Apple e Samsung e le società di telecomunicazioni, che negoziano individualmente per le licenze.

"Il mercato dell'auto è troppo frammentato perché valga la pena che i proprietari dei brevetti negozino con ogni singolo operatore", ha detto una fonte del settore, che ha chiesto di rimanere anonima a causa degli accordi contrattuali. "È una questione di efficienza", ha aggiunto.

Mercedes-Benz, al tempo Daimler, ha chiuso l'anno scorso con Nokia una disputa durata anni sull'uso dei suoi brevetti, dopo essere stata costretta a pagare. Volkswagen è stata citata in giudizio da Acer per aver utilizzato la sua tecnologia 4G senza la dovuta licenza. A marzo la casa automobilistica ha firmato un accordo con Avanci, che comprende i brevetti di Acer, per risolvere la questione.

Mentre i fornitori hanno sempre pagato per le licenze sui brevetti in settori come la progettazione dei motori, le società tecnologiche preferiscono trattare direttamente con le case automobilistiche per i brevetti sulle telecomunicazioni, secondo quanto riferito da una fonte del settore, esperta nella negoziazione di accordi di licenza.

"Di solito i fornitori gestiscono i brevetti durante il processo di sviluppo, mentre le telecomunicazioni sono l'unica area in cui non lo fanno", ha detto la fonte, che ha chiesto di rimanere anonima.

Avanci sta inoltre lavorando con le aziende alla stesura di un nuovo contratto per la copertura dei brevetti 5G, che sarebbe probabilmente più costoso dell'attuale portafoglio di brevetti.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)