Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    32.700,92
    +344,66 (+1,07%)
     
  • Dow Jones

    39.131,53
    +62,42 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    15.996,82
    -44,80 (-0,28%)
     
  • Nikkei 225

    39.098,68
    +836,48 (+2,19%)
     
  • Petrolio

    76,57
    -2,04 (-2,60%)
     
  • BTC-EUR

    47.153,07
    +42,19 (+0,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.045,80
    +15,10 (+0,74%)
     
  • EUR/USD

    1,0823
    -0,0005 (-0,0433%)
     
  • S&P 500

    5.088,80
    +1,77 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    16.725,86
    -17,09 (-0,10%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.872,57
    +17,21 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    -0,0009 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9531
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4606
    +0,0020 (+0,14%)
     

Cina, nuovo calo di import e export a gennaio-febbraio su rallentamento domanda globale

File di camion in un terminal container del porto di Ningbo Zhoushan

PECHINO (Reuters) - Il calo delle esportazioni cinesi nel periodo gennaio-febbraio ha evidenziato il protrarsi della debolezza della domanda di prodotti del Paese, avvalorando i timori del governo che il rallentamento globale si possa far sentire anche a livello interno.

Anche le importazioni sono calate, secondo i dati del governo, riflettendo in parte la debolezza della domanda estera, dato che la Cina fa arrivare dall'estero parti e materiali per molte delle sue esportazioni .

Le esportazioni nei due mesi sono scese del 6,8% rispetto all'anno precedente, dopo il calo annuale del 9,9% registrato a dicembre. Il risultato è stato comunque migliore delle aspettative medie previste da un sondaggio Reuters, che si attendeva un calo del 9,4%.

Le importazioni sono diminuite del 10,2%, mancando di gran lunga il consensus, che prevedeva un calo del 5,5%. Le importazioni di dicembre erano diminuite del 7,5% rispetto all'anno precedente.

"Considerata l'inflazione elevata negli Stati Uniti e in Europa, la domanda proveniente da lì dovrebbe continuare a indebolirsi, il che smorza anche la domanda per la lavorazione in Cina", ha detto Iris Pang, capo economista Greater China presso Ing.

Giovedì il ministro del Commercio Wang Wentao ha avvertito che la pressione al ribasso sull'import-export cinese aumenterà significativamente quest'anno, a causa del rischio di una recessione globale e dell'indebolimento della domanda esterna.

La Cina ha fissato un obiettivo di crescita del Pil di circa il 5% per quest'anno, dopo che nel 2022 l'economia, la seconda più grande del mondo, è cresciuta a uno dei tassi più bassi degli ultimi decenni. L'anno scorso il prodotto interno lordo è aumentato solo del 3% rispetto al 2021.

L'agenzia delle dogane pubblica i dati commerciali combinati di gennaio e febbraio per attenuare le distorsioni causate dallo spostamento del calendario del Capodanno lunare, che quest'anno è stato celebrato a gennaio.

Gli economisti si aspettano una graduale ripresa delle importazioni grazie a una rinnovata fiducia dei consumatori dopo l'abolizione delle restrizioni anti-Covid a dicembre, ma affermano che il rallentamento all'estero potrebbe anche frenare il volume delle merci in entrata in Cina.

Le importazioni cinesi di greggio nel periodo gennaio-febbraio sono diminuite dell'1,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre le importazioni di gas naturale sono calate del 9,4%. Tuttavia, le importazioni di carbone e soia sono aumentate grazie all'incremento della domanda interna.

A febbraio, l'attività manifatturiera si è espansa al ritmo più veloce in più di un decennio, secondo i dati dell'Ufficio Nazionale di Statistica della scorsa settimana, dando agli economisti motivo di ottimismo.

Tuttavia, i dati sull'attività manifatturiera di altre economie asiatiche per febbraio sono stati più negativi, rafforzando l'opinione che le condizioni all'estero siano più deboli.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Andrea Mandalà)