Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    32.665,21
    -944,64 (-2,81%)
     
  • Dow Jones

    38.589,16
    -57,94 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.688,88
    +21,32 (+0,12%)
     
  • Nikkei 225

    38.814,56
    +94,09 (+0,24%)
     
  • Petrolio

    78,49
    -0,13 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    61.669,53
    -204,46 (-0,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.371,90
    -45,97 (-3,24%)
     
  • Oro

    2.348,40
    +30,40 (+1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0709
    -0,0033 (-0,3106%)
     
  • S&P 500

    5.431,60
    -2,14 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    17.941,78
    -170,85 (-0,94%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.839,14
    -96,36 (-1,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8438
    +0,0026 (+0,31%)
     
  • EUR/CHF

    0,9526
    -0,0069 (-0,72%)
     
  • EUR/CAD

    1,4693
    -0,0057 (-0,39%)
     

Cina spinge Syngenta a ritirare Ipo da 9 mld $ per debolezza mercato - fonti

Il logo presso la sede del produttore di prodotti chimici per l'agricoltura Syngenta a Basilea

(Reuters) - Le autorità cinesi hanno spinto Syngenta, la multinazionale svizzera che produce semi e prodotti chimici per l'agricoltura, a ritirare la propria domanda per un'Ipo di 9 miliardi di dollari a Shanghai, a lungo rinviata, a fronte delle preoccupazioni sull'impatto che una nuova offerta di dimensioni importanti avrebbe avuto su un mercato volatile.

E' quanto hanno detto quattro fonti.

Il gigante cinese dei pesticidi, di proprietà statale, ha ritirato venerdì la propria candidatura per l'Ipo affermando che la decisione è stata presa "dopo un'attenta considerazione dell'ambiente del settore e della strategia di sviluppo dell'azienda".

Lo scorso maggio Syngenta ha presentato domanda per quotarsi sulla borsa di Shanghai per raccogliere 65 miliardi di yuan (8,98 miliardi di dollari) e un mese dopo ha superato l'esame del comitato di quotazione della borsa. I suoi dirigenti hanno detto lo scorso novembre che Syngenta prevedeva di quotarsi nel 2024.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Tuttavia, l'azienda non ha ottenuto il via libera dall'autorità di regolamentazione dei titoli cinesi o dai vertici del Consiglio di Stato, un requisito fondamentale per la realizzazione di Ipo di successo, hanno detto le fonti.

Il progetto di quotazione si è infine bloccato dopo che Syngenta, di proprietà di Sinochem, ha ricevuto istruzioni informali a marzo dalla China Securities Regulatory Commission (Csrc) di ritirare la propria offerta, ha detto una fonte.

L'Ufficio informazioni del Consiglio di Stato e la Csrc non hanno risposto a una richiesta di commento. Syngenta ha detto di non voler commentare oltre la dichiarazione rilasciata venerdì.

Il motivo del ritiro dell'Ipo di Syngenta e il modo in cui è stato gestito, che non sono stati comunicati in precedenza, sottolineano come la Cina stia dando priorità al rafforzamento della fiducia degli investitori nel mercato secondario rispetto al lancio di nuove offerte azionarie.

La richiesta del governo a Syngenta di rinunciare all'Ipo è arrivata nonostante le sementi dell'azienda siano essenziali per la sicurezza alimentare e l'autosufficienza della Cina nella produzione di cereali, che i leader del Paese, in particolare il presidente Xi Jinping, hanno fortemente promosso.

Secondo le fonti, la rinuncia è dovuta alle preoccupazioni delle autorità cinesi circa l'impatto potenziale di un'Ipo di grandi dimensioni sul fragile mercato azionario, che ha avuto un inizio d'anno disastroso.

Le Ipo di grandi dimensioni sono spesso considerate dagli analisti come causa del crollo dei mercati azionari nazionali, in quanto grandi quantità di denaro vengono congelate al momento della sottoscrizione, esaurendo la liquidità nel mercato secondario.

Il crollo del mercato azionario cinese all'inizio dell'anno è avvenuto dopo che i titoli della Cina continentale sono rimasti indietro di tre anni rispetto a quelli globali e con una deflazione a livelli che non si vedevano dalla crisi finanziaria globale del 2008-2009.

(Tradotto da Laura Contemori, editing Stefano Bernabei)