Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    34.215,84
    -313,29 (-0,91%)
     
  • Dow Jones

    40.402,83
    -262,19 (-0,64%)
     
  • Nasdaq

    17.815,44
    -55,79 (-0,31%)
     
  • Nikkei 225

    40.063,79
    -62,56 (-0,16%)
     
  • Petrolio

    81,41
    -1,41 (-1,70%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.772,30
    +2.311,88 (+3,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.359,83
    +28,93 (+2,17%)
     
  • Oro

    2.407,60
    -48,80 (-1,99%)
     
  • EUR/USD

    1,0894
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    5.530,79
    -13,80 (-0,25%)
     
  • HANG SENG

    17.417,68
    -360,73 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.827,24
    -42,88 (-0,88%)
     
  • EUR/GBP

    0,8426
    +0,0009 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0008 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4944
    +0,0012 (+0,08%)
     

Commissione Ue proroga a fine 2025 utilizzo linee guida su aiuti Stato

Bandiere dell'Unione europea sventolano davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles.

PARIGI (Reuters) - La Commissione europea ha prorogato fino alla fine del 2025 la possibilità di concedere aiuti per il salvataggio e la ristrutturazione di società non finanziarie.

La Commissione ha detto che la proroga fino al 31 dicembre 2025 è necessaria per evitare un vuoto normativo dopo la fine di quest'anno e per fornire certezza giuridica a tutte le parti interessate sulle norme applicabili, preparando al contempo un potenziale aggiornamento delle linee guida.

In base alle linee guida del 2014 sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di "imprese non finanziarie in difficoltà", gli Stati membri dell'Unione europea possono sostenere le imprese in difficoltà, ma a condizioni rigorose.

Gli aiuti al salvataggio possono essere concessi per un periodo massimo di sei mesi. Al di là di questo periodo, gli aiuti devono essere rimborsati o gli Stati membri devono notificare alla Commissione un piano di ristrutturazione da valutare in base alle norme sugli aiuti di Stato.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Affinché l'aiuto alla ristrutturazione sia approvato, il piano deve garantire la redditività a lungo termine dell'impresa senza la prosecuzione del sostegno statale, che l'impresa contribuisca in misura sufficiente ai costi della propria ristrutturazione e che le distorsioni nella concorrenza create siano affrontate attraverso misure compensative.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Francesca Piscioneri)