Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    61.756,74
    +875,83 (+1,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.373,24
    -0,61 (-0,04%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,0217%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

E’ ufficiale: UBS comprerà Credit Suisse per 3 miliardi

E’ ufficiale: UBS comprerà Credit Suisse per 3 miliardi
E’ ufficiale: UBS comprerà Credit Suisse per 3 miliardi


La banca d'investimento svizzera UBS Group AG (NYSE:UBS) e la sua concorrente Credit Suisse AG (NYSE:CS) hanno raggiunto un accordo per l'acquisizione della seconda da parte della prima con la mediazione del governo svizzero.

Cosa è successo

UBS ha accettato di pagare 3 miliardi di franchi svizzeri in azioni per acquisire Credit Suisse, hanno confermato le società dopo molto parlare. 

Gli azionisti di Credit Suisse riceveranno 1 azione UBS per ogni 22,48 azioni Credit Suisse in loro possesso, pari a un prezzo di acquisto di 0,76 franchi svizzeri (0,82 dollari) per azione. Ciò rappresenta comunque uno sconto di circa il 60% rispetto al prezzo di chiusura di Credit Suisse di venerdì.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

UBS ha dichiarato che beneficerà di una protezione dai ribassi per un valore di 25 miliardi di franchi svizzeri derivante dall'operazione a sostegno dei marchi, degli aggiustamenti dei prezzi di acquisto e dei costi di ristrutturazione, e di un'ulteriore protezione dal ribasso del 50% sugli asset non strategici.

Entrambe le banche hanno accesso illimitato alle strutture esistenti della Banca nazionale svizzera, attraverso le quali possono ottenere liquidità in conformità con le linee guida sugli strumenti di politica monetaria.

Il presidente di UBS Colm Kelleher e il CEO Ralph Hamers saranno rispettivamente presidente e CEO del gruppo dell'entità combinata.

La transazione non è soggetta all'approvazione degli azionisti.

Vantaggi della fusione e sinergie 

La combinazione delle due banche dovrebbe creare un business con oltre 5.000 miliardi di dollari totali e opportunità di valore sostenibili, ha affermato UBS. L'accordo dovrebbe poi rafforzare ulteriormente la posizione come principale gestore patrimoniale globale con sede in Svizzera, con oltre 3.040 miliardi di dollari di asset investiti su base combinata e una presenza nei mercati in crescita più interessanti.

«Questa acquisizione è interessante per gli azionisti di UBS ma, sia chiaro, per quanto riguarda Credit Suisse, si tratta di un salvataggio d'emergenza. Abbiamo strutturato una transazione che preserverà il valore residuo del business limitando al contempo la nostra esposizione al ribasso», ha dichiarato il presidente di UBS Colm Kelleher.

Si prevede che l'attività combinata genererà riduzioni dei costi annue di oltre 8 miliardi di dollari entro il 2027.

UBS prevede che l'operazione aumenti l'utile per azione entro il 2027. Ha anche affermato di rimanere capitalizzata ben al di sopra del suo obiettivo del 13%.

L’intervento della Banca Nazionale Svizzera

I colloqui sulla fusione hanno incontrato un momento difficile a causa della mancanza di accordo sul valore dell'operazione e l'intervento della Banca Nazionale Svizzera potrebbe aver favorito la conclusione dell'accordo.

«Questa acquisizione è stata resa possibile grazie al sostegno del governo federale svizzero, dell'Autorità svizzera di vigilanza sui mercati finanziari FINMA e della Banca Nazionale Svizzera», ha dichiarato la banca centrale.

Credit Suisse e UBS possono ottenere un prestito di assistenza alla liquidità con status di creditore privilegiato in caso di fallimento per un importo totale fino a 100 miliardi di franchi svizzeri, ha aggiunto.  Inoltre, Credit Suisse può usufruire di un prestito del valore di 100 miliardi di franchi svizzeri, garantito da una garanzia federale in caso di inadempienza.

«La sostanziale fornitura di liquidità garantirà che entrambe le banche abbiano accesso alla liquidità necessaria. Fornendo assistenza alla liquidità, la Banca Nazionale Svizzera adempie al suo mandato di contribuire alla stabilità del sistema finanziario e a tal fine continua a lavorare a stretto contatto con il governo federale e la FINMA», ha aggiunto.

Foto Shutterstock

Continua a leggere su Benzinga Italia