Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • Dow Jones

    39.082,98
    -48,55 (-0,12%)
     
  • Nasdaq

    15.985,47
    -11,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    39.233,71
    +135,03 (+0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,0854
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • Bitcoin EUR

    50.053,93
    +2.285,18 (+4,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.634,74
    -91,12 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    5.073,30
    -15,50 (-0,30%)
     

EasyJet vede estate robusta malgrado instabilità Medio Oriente

Vista dell'ala su un volo EasyJet in rotta da Lisbona a Praga

LONDRA (Reuters) - EasyJet stima perdite in calo nel primo semestre e robuste prenotazioni per l'estate, con un impatto positivo sul titolo nonostante la svalutazione di circa 40 milioni di sterline dovuta al conflitto in Medio Oriente.

La compagnia aerea low cost britannica ha registrato una perdita ante imposte di 126 milioni di sterline nel primo trimestre, in leggero miglioramento rispetto a -133 milioni di un anno fa. Il titolo ha guadagnato fino al 5% negli scambi del mattino, ai massimi da marzo 2023.

I vettori europei hanno beneficiato di una domanda robusta nel 2023, grazie alla ripresa dei viaggi post pandemia, ma i timori per i prezzi elevati del carburante, l'instabilità geopolitica in Medio Oriente e le incertezze economiche hanno causato qualche preoccupazione.

"Vediamo un trend positivo nelle prenotazioni per l'estate 2024, con i viaggi che rimangono una priorità per i consumatori", ha detto l'AD Johan Lundgren in un comunicato.

Secondo easyJet, mentre i costi del carburante per i jet rimarranno piatti nella prima metà dell'anno finanziario, sono destinati ad aumentare a una sola cifra nella seconda metà, con il 55% del carburante per quel periodo che è gia coperto.

EasyJet ha detto di essere riuscita a mitigare l'impatto della guerra a Gaza grazie alla crescita della capacità nelle aree in cui la domanda era in aumento, e che le prenotazioni si sono riprese dalla fine di novembre.

Tuttavia la compagnia aerea ha detto che per il momento non riprenderà i voli verso Israele e Giordania e di aver registrato un rallentamento della domanda verso l'Egitto a causa della guerra, che ha causato la svalutazione, aggiungendo però di prevedere una ripresa anche in questo caso.

"La chiusura delle rotte è molto costosa e non è chiaro quando la situazione si normalizzerà", ha detto Sophie Lund-Yates, analista azionario di Hargreaves Lansdown.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Francesca Piscioneri)