Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 5 hours 19 minutes
  • FTSE MIB

    32.799,51
    +134,30 (+0,41%)
     
  • Dow Jones

    38.589,16
    -57,94 (-0,15%)
     
  • Nasdaq

    17.688,88
    +21,28 (+0,12%)
     
  • Nikkei 225

    38.102,44
    -712,12 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    78,39
    -0,06 (-0,08%)
     
  • Bitcoin EUR

    61.287,98
    -653,87 (-1,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.362,70
    -25,46 (-1,83%)
     
  • Oro

    2.334,70
    -14,40 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,0712
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • S&P 500

    5.431,60
    -2,14 (-0,04%)
     
  • HANG SENG

    17.936,12
    -5,66 (-0,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.862,82
    +23,68 (+0,49%)
     
  • EUR/GBP

    0,8454
    +0,0016 (+0,18%)
     
  • EUR/CHF

    0,9552
    +0,0026 (+0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4717
    +0,0018 (+0,12%)
     

Euro digitale è probabile ma non inevitabile secondo responsabile Bce

Una scultura con il simbolo dell'euro è raffigurata davanti al Parlamento europeo a Bruxelles

AMSTERDAM (Reuters) - È probabile, ma non inevitabile, l'introduzione di un euro digitale in Europa, un progetto in parte motivato dalla dipendenza della regione dai servizi di pagamento extraeuropei.

Lo ha detto Evelien Witlox della Banca centrale europea.

La Bce sta valutando la possibilità di emettere un euro digitale, che sarebbe un equivalente elettronico del denaro contante, in modo da consentire ai cittadini di utilizzare la moneta della banca centrale per i pagamenti, il che costituirebbe un bene pubblico, ha detto Witlox, direttrice dell'euro digitale della Bce, in occasione della conferenza fintech Money20/20.

"Penso che ci sia un'alta probabilità... Ma al momento non è inevitabile", ha detto Witlox.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Se il progetto di legge verrà adottato, l'euro digitale avrà corso legale e i commercianti che offrono mezzi di pagamento digitali dovranno quindi accettarlo, ha detto Witlox.

La spinta verso l'euro digitale è stata in parte motivata dai timori per la dipendenza dell'Europa da servizi di pagamento esterni alla regione, che minano l'indipendenza economica europea e la sicurezza dei dati coinvolti nei pagamenti.

"Riteniamo che il fatto di dipendere così tanto da operatori extraeuropei non sia positivo per la nostra sovranità economica, per via di ciò che succederebbe se in un determinato momento questi fornitori non fossero in grado di fornire i propri servizi, per un motivo o per l'altro", ha detto Witlox.

"Inoltre, i pagamenti coinvolgono anche molti dati, per cui crediamo sia davvero un problema serio".

ADOTTATO DA MOLTE NAZIONI

A marzo, 134 Paesi che rappresentano il 98% dell'economia globale stavano studiando versioni digitali delle proprie valute. Alcuni Paesi le hanno già introdotte.

Si è diffusa la preoccupazione che le valute digitali permettano ai governi di spiare i pagamenti dei cittadini. La Bce ha detto che la privacy sarà una caratteristica importante del progetto.

L'euro digitale non sarebbe programmabile e non darebbe ai governi la possibilità di tracciare le spese dei singoli, ha detto Witlox.

Dopo una "fase di indagine" durata due anni, la Bce si trova ora in una "fase di preparazione" iniziata nel novembre 2023, si legge sul sito web.

Witlox ha detto che la Bce pubblicherà un rapporto sui progressi compiuti questo mese.

Il sito dice che la Bce non ha deciso se l'euro digitale utilizzerà o meno la tecnologia blockchain, che è alla base di criptovalute come il bitcoin.

(Tradotto da Camilla Borri, editing Antonella Cinelli)