Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.950,74
    -149,88 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    33.926,01
    -127,93 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    12.006,96
    -193,86 (-1,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.509,46
    +107,41 (+0,39%)
     
  • Petrolio

    73,23
    -2,65 (-3,49%)
     
  • BTC-EUR

    21.580,83
    -229,74 (-1,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    535,42
    -1,43 (-0,27%)
     
  • Oro

    1.865,90
    -50,40 (-2,63%)
     
  • EUR/USD

    1,0798
    -0,0113 (-1,04%)
     
  • S&P 500

    4.136,48
    -43,28 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    21.660,47
    -297,89 (-1,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.257,98
    +16,86 (+0,40%)
     
  • EUR/GBP

    0,8954
    +0,0038 (+0,43%)
     
  • EUR/CHF

    0,9993
    +0,0030 (+0,30%)
     
  • EUR/CAD

    1,4467
    -0,0055 (-0,38%)
     

Exxon in causa contro Ue per bloccare nuova tassa su società petrolifere

Il logo Exxon presso una stazione di servizio a Brooklyn, New York City

(Reuters) - La major petrolifera statunitense Exxon Mobil ha deciso di far causa all'Unione europea nel tentativo di costringerla a eliminare la nuova imposta sugli extra profitti dei gruppi petroliferi, sostenendo che Bruxelles ha superato la propria autorità legale nell'imporre la tassa.

La tassa sugli extra profitti è "controproducente", scoraggia gli investimenti e mina la fiducia degli investitori, ha detto Casey Norton, portavoce di Exxon. La major ne terrà conto quando prenderà in considerazione futuri investimenti multimiliardari per l'approvvigionamento e la transizione energetico in Europa.

"La scelta di investire qui dipende principalmente da quanto l'Europa sarà attraente e competitiva a livello globale", ha detto Norton.

Il Financial Times ha riferito per primo la notizia della causa.

Le tasse sugli extra profitti imposte dall'Europa potrebbero costare almeno 2 miliardi di dollari fino alla fine del 2023, ha detto il direttore finanziario Kathryn Mikells in una call con gli analisti l'8 dicembre.

Exxon ha detto di aver investito 3 miliardi di dollari negli ultimi dieci anni in progetti di raffinazione in Europa. I progetti stanno aiutando l'azienda a fornire più prodotti energetici in un momento in cui l'Europa lotta per ridurre le importazioni dalla Russia.

"Continueremo a lavorare con i leader dell'Ue per affrontare questi problemi. Una politica ponderata è fondamentale", ha aggiunto la società.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Claudia Cristoferi)