Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • Dow Jones

    39.872,99
    +66,22 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    16.832,62
    +37,75 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    38.946,93
    -122,75 (-0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0858
    -0,0004 (-0,0326%)
     
  • BTC-EUR

    64.183,45
    +547,77 (+0,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.515,10
    +26,56 (+1,78%)
     
  • HANG SENG

    19.220,62
    -415,60 (-2,12%)
     
  • S&P 500

    5.321,41
    +13,28 (+0,25%)
     

Fincantieri acquisirà Wass per 250-300 million con aumento capitale, titolo -8%

Il cantiere navale Fincantieri a Monfalcone, nei pressi di Trieste

ROMA (Reuters) - Fincantieri acquisirà le attività sottomarine di Leonardo, note come Whitehead Alenia Sistemi Subacquei (Wass), e l'operazione dovrebbe essere annunciata oggi.

Lo riferiscono due fonti vicine alla situazione confermando indiscrezioni di stampa.Fincantieri finanzierà l'acquisizione da 250-300 milioni di euro attraverso una ricapitalizzazione fino a 500 milioni di euro, ha detto una delle fonti a Reuters. La differenza tra il valore dell'operazione e la ricapitalizzazione totale sarà utilizzata dal costruttore navale per sviluppare ulteriormente le sue attività nel settore della difesa, settore in rapida crescita su cui punta l'azienda controllata dallo Stato.

Cdp intende sottoscrivere l'aumento, ha scritto oggi Il Sole 24 ore.

In Borsa Fincantieri, che capitalizza circa 1,15 miliardi di euro - perde oltre 8% poco dopo le 12,30, con gli analisti che non hanno apprezzato la dimensione della ricapitalizzazione prevista.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

"Il conto è più alto del previsto e la dimensione dell'aumento di capitale ipotizzato - se confermato - supera il cash-out per Wass di 100 milioni di euro", ha scritto Banca Akros in un report.

L'accordo si inserisce nella più ampia strategia di Fincantieri di crescere attraverso le acquisizioni, concentrandosi maggiormente sulla difesa - che oggi rappresenta circa il 25% dei suoi ricavi - e rafforzando la sua posizione nel settore sottomarino.

Le trattative tra i due gruppi, entrambi controllati dallo Stato, erano state rallentate da 'resistenze temporanee' di manager interni, secondo quanto riferito dall'amministratore delegato di Leonardo Roberto Cingolani a metà aprile.

(Giulia Segreti, versione italiana Stefano Bernabei, editing Gianluca Semeraro)