Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    33.922,16
    +40,66 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    37.986,40
    +211,02 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.282,01
    -319,49 (-2,05%)
     
  • Nikkei 225

    37.068,35
    -1.011,35 (-2,66%)
     
  • Petrolio

    83,24
    +0,51 (+0,62%)
     
  • Bitcoin EUR

    60.978,09
    +1.318,47 (+2,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.389,14
    +76,52 (+5,83%)
     
  • Oro

    2.406,70
    +8,70 (+0,36%)
     
  • EUR/USD

    1,0661
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • S&P 500

    4.967,23
    -43,89 (-0,88%)
     
  • HANG SENG

    16.224,14
    -161,73 (-0,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.918,09
    -18,48 (-0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    +0,0056 (+0,65%)
     
  • EUR/CHF

    0,9693
    -0,0017 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4645
    -0,0005 (-0,04%)
     

Fincantieri conferma target ricavi, margini 2024, migliora quelli su deleveraging

Il cantiere navale Fincantieri a Monfalcone, nei pressi di Trieste

MILANO (Reuters) - Fincantieri conferma i target su ricavi e marginalità per il 2024 dopo aver chiuso il 2023 con un Ebitda di 397 milioni, in aumento di circa l’80%, su ricavi in crescita del 2,8% a 7,651 miliardi.

Il risultato netto adjusted, al netto dei proventi ed oneri estranei alla gestione ordinaria e non ricorrenti, è negativo per 7 milioni da -108 milioni nel 2022.

I nuovi ordini acquisiti nel 2023 sono pari a 6,6 miliardi, in aumento del 23,9%.

"La guidance 2024 vede ricavi pari a circa 8 miliardi, in crescita del 4,5% rispettando i target del Piano industriale presentato lo scorso maggio, un Ebitda margin intorno al 6%, in continua crescita in coerenza con i target del Piano ed una Pfn che accelera il deleveraging rispetto agli obiettivi iniziali", dice nella nota l'AD Pierroberto Folgiero.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Il rapporto di indebitamento (Pfn/Ebitda) per il 2024 è previsto in miglioramento rispetto alla guidance fornita in occasione del Capital Markets di maggio 2023 (6,0-7,0x), fino a raggiungere un valore compreso tra 5,5 e 6,5 volte nel 2024, accelerando il deleveraging atteso nell’arco di piano.

(Claudia Cristoferi, editing Sabina Suzzi)