Annuncio pubblicitario
Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    35.398,82
    -11,31 (-0,03%)
     
  • Dow Jones

    40.003,59
    +134,21 (+0,34%)
     
  • Nasdaq

    16.685,97
    -12,35 (-0,07%)
     
  • Nikkei 225

    38.787,38
    -132,88 (-0,34%)
     
  • Petrolio

    80,00
    +0,77 (+0,97%)
     
  • BTC-EUR

    61.569,50
    +577,34 (+0,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.369,64
    -4,20 (-0,31%)
     
  • Oro

    2.419,80
    +34,30 (+1,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0872
    +0,0002 (+0,0217%)
     
  • S&P 500

    5.303,27
    +6,17 (+0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.553,61
    +177,08 (+0,91%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.064,14
    -8,31 (-0,16%)
     
  • EUR/GBP

    0,8555
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9881
    +0,0038 (+0,38%)
     
  • EUR/CAD

    1,4787
    -0,0007 (-0,05%)
     

Fmi invita a moderazione politica bilancio in anno record per elezioni

Un comizio elettorale del premier Modi ad Agartala

WASHINGTON (Reuters) - Il Fondo monetario internazionale invita i paesi a contenere le spese fiscali e a ricostruire i propri 'buffer', anche se questo potrebbe rivelarsi difficile nell'anno con il maggior numero di elezioni nella storia.

Un numero record di 88 paesi, che ospitano più della metà della popolazione mondiale, hanno tenuto o terranno elezioni nel 2024, osserva il Fondo, mettendo in evidenza che i governi tendono a spendere di più e a tassare di meno in vista del voto.

Il rischio più grave per le finanze pubbliche deriva dal numero record di elezioni che si terranno nel 2024, soprannominarlo "il grande anno elettorale"", in base a quanto scritto dal Fondo nel documento 'Fiscal Monitor'.

Gli Stati Uniti terranno le elezioni presidenziali a novembre, mentre gli elettori indiani inizieranno a votare a fine aprile. Taiwan, Portogallo, Russia e Turchia hanno già tenuto le elezioni.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Secondo il Fondo, negli anni elettorali sono spesso probabili sforamenti di bilancio, rischio amplificato dall'aumento della domanda di spesa sociale. Il passivo di bilancio negli anni elettorali tende a superare le previsioni di 0,4 punti percentuali del Pil, rispetto agli anni che non prevedono votazioni.

Il rallentamento delle prospettive di crescita e i tassi di interesse ancora elevati limiterebbero ulteriormente lo spazio fiscale nella maggior parte delle economie, conclude il Fondo.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Alessia Pé)