Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.188,44
    +81,21 (+0,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Forex, dollaro in calo, yuan sale su dati Pmi Cina, aumento inflazione spinge euro

Diverse banconote in Euro, dollari di Hong Kong, dollari statunitense, yen giapponese, sterline e yuan cinesi

NEW YORK/LONDRA (Reuters) - Il dollaro statunitense perde terreno e lo yuan cinese sale dopo che l'attività manifatturiera cinese si è espansa al ritmo più veloce in un decennio, mentre l'euro balza dopo l'aumento dell'inflazione tedesca a febbraio, alimentando le aspettative di rialzo dei tassi nella zona euro.

In rialzo anche il dollaro australiano e il neozelandese sulla scia dei solidi dati cinesi, con l'indice Pmi per il settore manifatturiero salito a 52,6 punti a febbraio, in rialzo rispetto ai 50,1 di gennaio e oltre le aspettative.

Anche l'attività non manifatturiera in Cina è cresciuta a febbraio a un ritmo più sostenuto, mentre il dato Caixin/S&P Global relativo al Pmi manifatturiero di febbraio ha superato le aspettative del mercato.

I prezzi al consumo tedeschi, armonizzati per il confronto con gli altri stati membri Ue, sono aumentati più del previsto e hanno alimentato le aspettative di rialzo dei tassi della Banca Centrale Europea, dopo che i dati hanno indicato che le costanti pressioni sui costi non sono diminuite.

L'euro guadagna lo 0,63% a 1,0643 dollari con un'ampia scadenza di opzioni venerdì a 1,07 dollari. Rispetto a un paniere di valute, l'indice del dollaro è sceso dello 0,295%, registrando il maggior calo giornaliero dall'1 febbraio.

Altrove, lo yen giapponese si è indebolito dello 0,05% rispetto al dollaro, attestandosi a 136,27, dopo che la valuta statunitense è aumentata di quasi il 5% rispetto allo yen nel mese di febbraio, il maggior guadagno mensile da giugno.

Lo yuan onshore ha terminato la seduta nazionale a 6,8854 per dollaro, la miglior chiusura dal 21 febbraio, mentre lo yuan offshore è balzato dell'1,3% a 6,8683 per dollaro, registrando il maggior guadagno giornaliero da fine novembre.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Andrea Mandalà)