Annuncio pubblicitario
Italia markets open in 3 hours 14 minutes
  • Dow Jones

    38.563,80
    -64,19 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.630,78
    -144,87 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    38.194,57
    -169,04 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,0818
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • Bitcoin EUR

    47.993,35
    +87,81 (+0,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • HANG SENG

    16.735,92
    +488,41 (+3,01%)
     
  • S&P 500

    4.975,51
    -30,06 (-0,60%)
     

Forex, dollaro fiacco, attende Powell e dati mensili su occupazione

Diverse banconote da 100 dollari a Seoul, Corea del Sud

LONDRA (Reuters) - Il dollaro statunitense si indebolisce, mentre gli investitori attendono la testimonianza del presidente della Federal Reserve Jerome Powell al Congresso, domani e mercoledì, e il dato sugli occupati di febbraio, venerdì, che probabilmente influenzerà la politica sui tassi di interesse della banca centrale Usa.

L'indice del dollaro, che misura l'andamento della valuta Usa rispetto ad altre sei divise, è in calo dello 0,1% a 104,53. La scorsa settimana l'indice ha registrato la prima perdita settimanale da gennaio.

L'euro, che ha perso circa il 3% rispetto al dollaro dall'inizio di febbraio, è poco mosso a 1,0637 dollari.

Citi prevede per febbraio un aumento di 255.000 occupati dopo l'incremento di 517.000 unità a gennaio. Secondo gli strategist, una grossa sorpresa al rialzo potrebbe portare la Fed a effettuare un aumento di 50 punti base rispetto a uno scenario base di +25 punti.

Lo yen è sceso dello 0,2% a 136,02, in attesa dell'ultima riunione politica di venerdì del governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda.

Lo yuan cinese è calato rispetto al dollaro, dopo che Pechino ha fissato un target modesto per la crescita economica del 2023, pari a circa il 5%. Lo yuan offshore ha perso fino allo 0,65% a 6,938 per dollaro, mentre il dollaro australiano, spesso scambiato come un proxy liquido per lo yuan, è sceso dello 0,5% a 0,6737 dollari.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Claudi Cristoferi)